Utente 114XXX
gentili medici
vi scrivo per un dubbio riguardo l'esame istologico del cono di cervice uterina prelevatomi il 7 gennaio scorso.
Dopo 2 pap test con L-SIL persisente (hpv-DNA 33 positivo) e una biopsia positiva per focolai di Cin 1-2 sulla GSC e alterazioni displasticheb da Hpv si è deciso di procedere a conizzazione.
IL risultato è il seguente:

REPERTO MACROSCOPICO: 4 frammenti, di cui il maggiore delle dimensioni di 2,5x1,8x0,5 di forma irregolare.
DIAGNOSI: cervicite cronica lieve. Metaplasia squamosa matura dell'epitelio colonnare. Tessuto di granulazione nel corion cervicale.

La mia dottoressa mi ha detto che non c'è niente, di stare tranquilla.
Solo che io non ho capito se c'è una displasia o se era stato tolto tutto con la biopsia. E i margini?
Resto fiduciosa in attesa di una vostra risposta e Vi ringrazio anticipatamente per il servizio che fornite in questo sito.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
110

Cancellato nel 2011
Gentile Signora,
la conizzazione non ha più dimostrato quello che era stato diagnosticato con il pap-test e con la biopsia precedente e cioè la Displasia di basso grado (L-SIL) e l'infezione da HPV.
A questo punto con bona fide per tutte le diagnosi fatte è presumibile che la lesione fosse piccola e del tutto asportata con la biopsia.
Può sempre chiedere una seconda opinione su tutto il materiale (pap-test, biopsie e conizzazione) per stare più tranquilla.
Mi tenga al corrente.
Cordiali saluti
Maurizio Spinelli
[#2] dopo  
Utente 114XXX

Iscritto dal 2009
Gentile dott. Spinelli,
innanzitutto la ringrazio per la risposta.
Le posso confermare che per interesse personale della mia dottoressa il campione della conizzazione è stato visto da due anatomo-patologi diversi che concordavano nella diagnosi. In passato uno dei pap test è stato pure esso visto da 2 medici, che confermavano L-Sil.
IL problema è stato che nel giro di 4 mesi il quadro colposcopico è peggiorato (Cin 2) e si sospettava che ci fosse poi qualcosa nel canale cervicale. Per questo si è deciso per la conizzazione. Sicuramente dovrei essere contenta che non c'è più niente. Spero che tutto questo non abbia poi conseguenze su una futura gravidanza.
La ringrazio ancora.
[#3] dopo  
Utente 114XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Dott. Spinelli,
torno qui a scriverle perchè i dubbi che mi assalgono sono tanti....
A fine aprile ho effettuato il primo controllo post conizzazzione. La colposcopia è negativa ma il pap test ha dato ASCUS. Non le dico l'angoscia. La mia dottoressa mi ha consigliato di ripetere il tutto dopo 3 mesi aggiungendo la tipizzazione Hpv. Dato che ero alquanto scettica, a fine maggio dopo il ciclo ho effettuato un altro pap test che è stato letto da un altro patologo che ha dato esito negativo, segnalava presenza di squame cornee e consigliava controllo a sei mesi...
Adesso mi piacerebbe sapere cosa ne pensa Lei...
Mi devo preoccupare?
Grazie mille
[#4] dopo  
110

Cancellato nel 2011
Sarebbe utile sapere se ha effettuato il test per la tipizzazione HPV. La presenza di squame cornee può essere indicativa di questo tipo di infezione, di solito correlata agli HPV "buoni". Può essere che l'ASCUS precedente sia stato condizionato da questo particolare aspetto (non tutti usano la stessa terminologia). Farei la tipizzazione e poi il controllo a 6 mesi: se è tutto negativo o anche con presenza di HPV "buoni" starei tranquilla tornando ai classici controlli. Comunque la diagnosi di CIN 2 è istologica e non colposcopica. Se ci sono novità me le comunichi pure.
Cordiali saluti
M Spinelli