Utente 142XXX
Buongiorno, ho 31 anni, godo e ho sempre goduto di buona salute, ma dal 2006 ho contratto un herpes genitale e da allora è un inferno. Presumo di averlo contratto con un rapporto orogenitale dato che la mia ragazza di allora soffriva di herpes labiale ma non di genitale.
Quando assumo antivirali (famvir o aciclovir) con terapia soppressiva riesco a tenere a bada il problema (ho fatto cicli di 3-4 mesi intervallati da periodi di sospensione per i primi due anni) ma appena smetto le recidive tornano puntuali. Ho provato recentemente con il Lupidon ma è stato un fallimento totale. Ho praticamente una recidiva al mese. Immaginatevi come possa stare a livello psicologico (e non solo). Non sono qui a chiedervi di cure, ho appreso in questi anni, mediante consulti con medici e internet, tutto sull'HSV. So che non c'è nulla da fare. Vi chiedo solo, dato che sono giunto, per esasperazione, a pensare di assumere antivirali per il resto della mia vita, se questa è l'unica soluzione possibile per poter ritornare alla splendida "normalissima" vita che avevo prima.
- Nel caso che dosaggio mi consigliereste?
- Che esami dovrei fare ciclicamente per capire se nel frattempo sto arreccando grossi danni al mio organismo (fegato e reni in primis)?
Grazie infinite

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Salve,
molto sinteticamente. I ccli di antivirali funzionano se si danno per periodi di almeno 6 mesi opiù (esperienza personale. L'acyclovir non so chi glielo abbia dato ma credo fosse totalmente digiuno di qualsiasi nozione di farmacologia, perchè ha una emivita troppo breve per gli schemi proposti. Il famciclovir è un buon farmaco ma dato a dosi diverse da quelle degli schemi ministriali (per rientrare nelle note, per intenderci) 500 x 2 per vari mesi si può rivelare efficace.
Il Lupidon è utile fibnchè lo si fa, poi ritorna il tutto.
Se vuole vedere il suo fegato, faccia una funzionalità epatica, per i reni Creatinina e azotemia.
Ma soprattutto, non faccia il fai da te e si consulti con un buon dermatologo, l'unico che possa avere almeno una lontana idea di come aiutarla.

Un salutone

Mocci
[#2] dopo  
Utente 142XXX

Iscritto dal 2010
Egregio Dott. Mocci la ringrazio della celere e pronta risposta.
Cercherò di essere maggiormente preciso rispetto al mio primo post.
I cicli ripetuti di antivirali mensili li ho fatti in passato con il famvir. Tuttavia il mio medico di base dopo un pò ha cominciato a farmi problemi per questioni di ricetta: sostiene che la prescrizione di quel farmaco gli crea problemi con i controlli ministeriali e ha paura di incorrere in sanzioni. Dato che il costo senza prescrizione medica è insostenibile (più di 100 € a confezione) mi ha prescritto l'aciclovir con cui dice di avere meno problemi dal punto di vista "amministrativo". Un ciclo a lungo termine di aciclovir di fatto non l'ho ancora iniziato, lo assumevo l'anno scorso al riapparire delle recidive e devo dire che in 3-4 gg me le faceva passare. Poi come dicevo ho smesso anche con l'aciclovir e negli ultimi 6 mesi ho iniziato la terapia Lupidon ma senza risultati (e da quello che ho letto in giro non sono l'unico).
I dermatologi che ho consultato, oltre a sembrarmi poco "consapevoli" della gravità e dei risvolti, sopratutto psicologici, di una patologia come questa, si sono sempre e solo imitati a dirmi di stare tranquillo che prima o poi il problema scemerà di suo. Mma intanto, come scrivevo, la mia vita è un inferno, come potrà immaginare.
Premetto altresì di aver fatto ovviamente test HIV (per ben due volte) e sifilide negli anni scorsi, tutto negativo per fortuna. Segnalo altresì che quando assumo antivirali ho livelli di birilubina leggermente alti (anche qui i dermatologi dicono di non preoccuparsi).
Quindi mi consiglia di assumere solo famvir qualora dovessi inziare terapia a lungo termine? L'aciclovir fallirebbe?Per quanto tempo 1 anno e poi interrompere la terapia e vedere l'evolversi della situazione?
Grazie di nuovo
[#3] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Allora,
è una questione duplice: di efficacia e di farmacocinetica.
Di efficacia perchè nel tempo ho visto che l'acyclovir non è poi tanto efficace, di farmaco cinetica perchè ha una emivita (o tempo di dimezzamento) nel sangue, brevissimo, per cui dato due volte al dì ha una concentrazione ematica media che io ritengo insufficiente.
Infine, per il suo medico di base: esiste una nota CUF specifica chec garantisce la prescrivibilità di farmaci antivirali per periodi di molti mesi per Hepes genitalis recidivante. Se c'è poi l'indicazione dello specialista, il gioco è fatto.
Un caro saluto

Mocci
[#4] dopo  
Utente 142XXX

Iscritto dal 2010
Egregio dottore, la ringrazio nuovamente per la risposta, sopratutto per l'ottima dritta sulla questione della prescribilità dei farmaci. La sottoporrò quanto prima al mio medico di base.
Grazie infinite