Utente 145XXX
Buona sera.
Ho 21 anni ed è da 1 mese e mezzo che sono assieme ad una ragazza.
Io non ho mai avuto rapporti sessuali prima ad ora.
Il mio problema è il seguente.
Non ho alcun problema nello scoprire il glande (sia che il pene sia in erezione che non), anzi mi riesce facilmente, ma il punto è questo:
- Con il glande coperto, riesco a mantenere tranquillamente l'erezione del mio pene;
- Con il glande (scoperto durante l'erezione massima), non ho problemi nello scoprire il glande ma dopo un po' che lo faccio, pian piano il pene perde l'erezione;
Attraverso stimolazione manuale riesco a far affluire nuovamente il sangue, ma appena smetto, ricomincia la perdita di erezione.
Ho notato che a glande scoperto, ho un accumulo di pelle sotto il glande (corona), che però non mi da assoluto fastidio (alle volte la pelle torna in su, ma riesco comunque poi a tenerla fissa sotto il glande).
Ho notato però che tenendo il glande mezzo scoperto non ho assolutamente di questi problemi.
La mia domanda è la seguente: è possibile che quello strato di pelle sotto il glande blocchi l'afflusso del sangue dall'asta fino al glande? E' una possibile causa della perdita lenta dell'erezione?

Di cosa si potrebbe trattare?

Grazie in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

le complesse e possono confuse osservazioni "cliniche" che fa sul suo glande non confermare la sua ipotesi diagnostica.

In questi casi , senza una valutazione clinica diretta e solo con le indicazioni cliniche che ci fornisce, è impossibile formulare una risposta corretta diagnostica e poi terapeutica. Bisogna, a questo punto, consultare in diretta un esperto andrologo.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio per la Sua risposta rapidissima!
Provvederò a parlare in maniera più approfondita con il mio dottore e successivamente con un andrologo.

Volevo inoltre chiedere un'ulteriore domanda:
E' possibile avere rapporti sessuali protetti con glande coperto o semi scoperto? E' obbligatoria la sua scopertura completa?
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,

di obbligatorio non vi è nulla nell'epletare la propria attività sessuale, certo il timore di un glande "coperto o semiscoperto" è sempre legato alla possibilità che il prepuzio scenda alla base del glande, questo si gonfi e poi si possono avere difficoltà a riportare il prepuzio in posizione di riposo, cioè succede la situazione clinica che chiamiamo "parafimosi", con il rischio che il glande rimanga "strozzato".

Bisogna ripeto, a questo punto, sempre consultare in diretta un esperto andrologo.

Un cordiale saluto.