Utente 330XXX
Buongiorno, vorrei avere informazioni in merito all'Induratio Penis Plastica.
Al mio ragazzo è stata diagnosticata questa malattia e,
dopo aver effettuato ecografie del pene, rigiscan (5 erezioni a notte ma tutte non hanno raggiunto il limite anche se lo hanno sfiorato), terapia con ionoforesi e vitamina E (Piascledine), il medico che lo ha in cura, vista la minima incurvatura del pene (che però porta difficoltà nell'avere rapporti sessuali e leggera perdita della sensibilità), gli ha consigliato l'operazione chirurgica. Con questa operazione non si andrebbe a toccare la placca ma sarebbe solamente una sovrapposizione del tessuto per eliminare l'incurvatura.
Questo tipo di intervento andrebbe a ristabilizzargli la sensibilità e le sensazioni che si provano durante il rapporto? L'erezione torna ad essere normale?
Vorrei anche sapere se esistono altre cure prima di arrivare
all'operazione.
Il mio ragazzo non vuole assolutamente sottoporsi ad un intervento
perchè è convinto di peggiorare le cose, e che l'intervento serva solamente per un fattore estetico.
Ringrazio in anticipo per la disponibilità.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Cara lettrice 33064,

la diagnosi di IPP in un soggetto di 31 anni, affetto da curvatura dell'asta, con problemi di erezione, non mi convince del tutto.
L'ipotesi poi di procedere ad un intervento chirurgico per correggere una "minima" curvatura mi sembra abbastanza "azzardata".
Potremmo avere poi un pene perfettamente (?) diritto ma con una erezione "insicura ed incerta" che non consente un'adeguata attività sessuale.
Cara lettrice, io consiglierei al suo ragazzo di sentire un altro parere andrologico-chirurgico
cari saluti
[#2] dopo  
Utente 330XXX

Iscritto dal 2007
Salve dott. Pozza, il mio ragazzo ha 36 anni ma non penso che l'età sia così tanto importante. I problemi di erezione dei quali parla sono quelli risultati dal rigiscan? Il medico ha detto che l'erezione raggiunge il livello giusto ma poco dopo viene persa.
La diagnosi del medico (andrologo) è stata data dopo alcune visite, palpazioni.
All'inizio sentiva del dolore ma dopo la ionoforesi (verapamil) è sparito.
Secondo lei è possibile risolvere il problema in altro modo?
Grazie
[#3] dopo  
Utente 330XXX

Iscritto dal 2007
.
[#4] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Cara signora se la placca ha dimensioni non troppo voluminose si può provare anche un approccio con le onde d'urto (trattamento ESWL) calibrate proprio sulla placca, al fine di romperla in due o più frammenti cosicchè l'angolatura dell'asta indotta dalla presenza della placca possa ridursi e rendere più normali ed agevoli le erezioni ed i rapporti. Anche in questo caso come in quello della ionoforesi si tratta di tentativi...
quanto all'intervento concordo col collega Pozza di andare cauti e di sentire più pareri di urologi in quanto è un intervento delicato che se deve servire a guarire il problema non servirà solo come vi hanno detto a correggere la curvatura dell'asta,ma servirà certamente anche a rimuovere la placca di induratio.
Cordiali saluti,
dott Daniele Masala.
[#5] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
non credo che sentire il parere di 1, 3, 5, 9 Specialisti Urologi serva poi in effetti a chiarire il problema. Si sa benissimo che da questo pellegrinaggio potrebbero scaturire ben 9 pareri diversi. Si tratta invece di scegliersi uno Specialista, quello che comunica la massima fiducia, e seguirne le indicazioni. Centri qualificati pubblici, sia Universitari che Ospedalieri, specilaizzati nel tratatmento di questa patologia a Roma non ne mancano.
Affettuosi auguri al Suo compagno ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#6] dopo  
Utente 330XXX

Iscritto dal 2007
Grazie per le vostre risposte e consigli.
Girando su internet ho trovato un'apparecchiatura che si chiama PHALLOSAN (www.phallosan.it) con la quale dicono sia possibile correggere l'incurvatura. Riporto ciò che scrivono sul sito: "Mediante PHALLOSAN, dopo lunga applicazione di una trazione costante nella direzione voluta, si puó eliminare o ridurre senza intervento chirurgico la deformazione, senza ottenere una riduzione nella lunghezza del pene. Il pene al contrario diventerá addirittura piú lungo e piú grosso! Questo è al momento l´unico esempio al mondo di terapia della deformazione del pene senza intervento chirugico."
Che ne dite?
Grazie