Utente 955XXX
Cari dottori, mi rivolgo a voi per chedere info sulle ragioni che ci possono essere per questo intervento, mi spiego:
non credo di aver nessun problema particolare al pene, ne "a riposo" ne in erezione, anche se in quest'ultima noto a volte che riesce ad essere scoperto solo il glande e che tirando anche solo un po più giù la pelle si "tira" per cosi dire anche un po il glande. credo sia una questione di frenulo non proprio corto ma diciamo giusto giusto.
stavo valutando l'ipotesi di un intervento prettamente per una questione estetica, non sapendo nello specifico se il mio tipo di erezione sia da considerarsi normale da quanto spiegato.
so che a volte lo si fa anche per una questione di igiene nei rapporti e che possa in certi casi aumentare il piacere.
ci tengo a specificare che non soffro di nessuna patologia, ne di ejaculazione precoce, anzi a volte i miei tempi sono molto lunghi (in modo piacevole... anche se a volte l'uso del profilattico (ultrasottile o stimolante) mi da una perdita di sensibilità notevole, allungando ancor di più i tempo del rapporto.

quindi in base a tutto ciò volevo un semplice parere medico: è da considerare un intervento inutile, o comunque in qualche modo rischioso? e in che modo potrebbe cambiare la mia vita sessuale?

grazie per l'attenzione, attendo pareri.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
la circoncisione è comunque un intervento chirurgico e quindi esiste una (bassa!) probabilità di complicanze. L'intervento è giustificato laddove esista una indicazione medica, e ciò non appare essere il suo caso.
[#2] dopo  
Utente 955XXX

Iscritto dal 2009
Grazie mille per la sua celere risposta.
effettivamente anche la mia partner è della stessa idea.
se ci possono essere complicanze, anche se in bassa percentuale, allora l'intervento è da escludere a prescindere.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

se desidera più informazioni, oltre alle corrette indicazioni già ricevute dal collega Pescatori, può trovarle anche nell'approfondimento del collega Maio:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=42220.

Un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 955XXX

Iscritto dal 2009
grazie mille anche a lei. leggerò con calma l'articolo da lei postato per cercare di aquisire più informazioni possibili al riguardo.
[#5] dopo  
Utente 955XXX

Iscritto dal 2009
allora, ho letto l'articolo e mi sono ulteriormente documentato un po in giro.

riflettendo credo sia un intervento inutile per il mio caso, pensavo di guadagnare un po di sensibilità in più ma ho letto che è esattamente il contrario, cosa per me molto pensalizzante.

mi resta una sola domanda: il frenulo può limitare l'erezione, in particolar modo il vigore del glande?
lo chiedo perchè ho notato che quando il pene è totalmente eretto, se provo a tirare un po giù la pelle oltre il glande, il frenulo limita la cosa, facendo "piegare" un po verso il basso il glande( normale?) causando a volte la perdita di tonicità esclusivamente del gralde stesso.
non è una cosa che accade sempre e comunque solo in fase masturbatoria.
grazie ancora per la vostra pazienza.
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

un frenulo corto può scatenare dolore in erezione,se però molto "corto"!

A questo punto però, se desidera avere altre informazioni precise su questo tema specifico, le consiglio di consultare, sempre sul nostro sito, anche l'articolo scritto proprio dal collega Pescatori:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=63934

Qui troverà parte delle indicazioni desiderate.

Un cordiale saluto.