Utente 145XXX
salve,sono un'uomo di 44 anni,.da circa 2 anni ho cominciato a perdere l'erezione durante il rapporto,con i preliminari tutto andava bene,ma al momento della penetrazione dopo un po' di tempo cominciavo a perdere l'erezione.all'inzio questo si verificava una volta ogni tanto,poi da un'anno a questa parte la cosa e' a andata sempre piu' peggiorando.un'anno fa mi sono rivolto al mio medico che mi ha indirizzato da uno specialista.dopo consulto l'andrologo ha iniziato con farmi fare delle analisi e i risultati sono questi: emocromo tutto nella norma,glucosio 90,prl prolattina 92,testosterone 735,testosterone libero 24.8,psa antigene prostatico totale 0.61.tornato da lui con gli analisi mi ha detto che erano tutti nela norma,e che era soltanto un fattore ansiogeno,e per sbloccarmi mi ha fatto iniziare la terapia con cialis 5mg per un mese, epoi gli altri due mesi 5mg a giorni alterni.all'inizio sono migliorato, e riuscivo a portare a termine il rapporto, ma gia' dopo aver diradato a giorni alterni la terapia,cominciavo ad avere alcune volte i soliti probemi.finita la terapia sono stato un mese senza prendere niente, e li' la situazione ,mi sono accorto che si era ancora di piu' aggravata,nel senso cha anche nei preliminari non riuscivo ad avere un'erezione.tornato dal medico,mi ah fatto fare l'ecocolordoppler penieno dinamico,facendomi iniziare una terapia psico-sessuologica.il risultao dell'esame e' questo:dosaggio:10mcg,risposta grado2,tuniche di rivestimento:assenza di alterazioni ecograficamente identificabili,arterie cavernose:simmetricamente perfuse e bilateralmente scarsamente dilatate a-p:1,3 mm;he mantengono un decorso lievemente tortuoso per tutta la durata dell'esame.colordoppler flussimetria arterie cavernose..picco di velocita' sistolica:sinistra 0,18 m/sec,destra 0,19 m/sec.velocita' telediastolica:sinistra 0,06 m/sec, destra 0,05 m/sec.fase raggiunta:2 iniziale.arteriole:normale inserzione delle arteriole alle a.a.cav, visibile il tratto iniziale del secondo ordine di ramificazione,ma tutti gli ordini di ramificazione sono visibili occasionalmente,questo conferisce una rarefazione della densita' arteriolare complessiva con ampi tratti di cavernosa privi di arborizzazione arterilare.note: pur non avendo raggiunto una rigidita' completa,apparentemente la risposta erettile all'inizio dell'esame,era migliore di quella segnalata;la presenza dell'operatore ha indotto una repentina detumescenza;causa la velocita' del fenomeno non ho potuto documentarlo con immagini.giudizio diagnostico:la somministrazione di 10 mcg ha indotto una pronta tumescenza non seguita da erezione completa,a.a.cav.iposfigmiche,perdita del meccanismo veno-occlisivo.segni apparente di danno arteriolare.conclusini:ridotta risposta erettile allo stimolo farmacologico somministrato,in presenza di apparente arteriolopatia,ipoafflusso bilaterale all'a.a.cav;incompetenza caverno-venosa su base, a mio giudizio mista:organica-funzionale.il mio medico dice che e' solamente ansia

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve.
l'ansia è probabilmente una componente non secondaria del suo problema. tuttavia potrebbe verificare, col suo specialista, la possibilità di prolungare la terapia farmacologica mentre affronta il problema anche sul piano relazionale-comunicativo.
cordialmente
[#2] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
potrebbe avere una difficoltà erettile su base circolatoria, oltre a una possibile componente psicogena. E' un fumatore? Fa attività fisica regolare? I suoi valori di colesterolo, trigliceridi, HDL-LDL sono nella norma? I suoi valori di pressione sistemica sono nei limiti? Qualcuno nella sua famiglia ha avuto problemi cardiovascolari in giovane età?
[#3] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
salve,il mio specialista,mi ha detto di continuare,con la terapia psico-sessuologica,continuando anche con la terapia farmacologica.sto assumendo il cialis 10 mg al bisogno,ma ultimamente,ho avuto delle defaillance amche con questa.Adesso mi ha consigliato di provare con il levitra,anche perche',soffro di reflusso gastroesofageo,e il giorno dopo mi dava bruciori di stomaco.mi ha detto che il levitra da' meno effetti collaterali.sicuramente dopo il risultato dell'esame dell'ecocolordoppler ,sono piu' ansioso,perche' speravo che l'esame ,se fosse andato bene,mi avrebbe permesso di affrontare meglio anche la terapia psico-sessuologica.secondo il parere del mio specialista devo stare tranquillo,perche' non essendo fumatore,e avendo valori di colesterolo,trigliceridi,e altro,tutti nella norma,e' impossibile che io abbia qualcosa di organico.l'unica cosa che non faccio e' attivita' fisica.comunque ho un fratello che ha avuto un'infarto all'eta' di 38 anni,ma questo il mio specialista non me lo ha mai chiesto.
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

leggendo le informazioni cliniche quello che ci invia, si può pensare che il suo problema abbia una base di tipo "misto", come del resto indicato anche dall'ecocolorodoppler dinamico fatto alle arterie cavernose.

Comunque le indicazioni terapeutiche ricevute , lavorando sulle due "prospettive", possono essere condivise.

Se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450.

Un cordiale saluto.