Utente 110XXX
chiedo un consulto per mio marito. 57 anni,molto villoso,da circa 12 anni ha una fistola nel gluteo sx,distante xò dall'ano.Periodicamente la fistola si infiamma ,a questo segue un trattamento con antibiotici.Tra un episodio e l'altro sovente passa anche un anno.A detta del medico di famiglia, fino ad ora, era meglio tenerla sotto controllo ,ma non operare x tema di recidive o che la fistola si potesse spostare più vicina all'ano.Ultimamente però c'è continuo sanguinamento e dolore,gli antibiotici non sortiscono più alcun effetto.Mio marito è cardiopatico ed è in trattamento con tenormin,crestor ,acesistem e cardioaspirina .Vorrebbe farsi operare ,ma lo trattiene l'idea di non risolvere definitivamente il problema .Ho visto che consigliate anche un'ecografia preventiva che ha deciso di fare.L'operazione a questo punto è consigliabile? Grazie per la vostra disponibilità.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Considerati i sintomi, credo che una visita chirurgica sia la cosa piu' utile e ragionevole da fare prima di qualsiasi accertamento strumentale. In presenza di fistola, soprattutto se sintoatica ed in assenza di controindicazioni o rischio operatorio elevato, l' intervento è indicato. Auguri!
Se desidera, un articolo nella sezione minforma tratta nei dettagli il problema.
[#2] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Sig.ra,
occorrerebbe in prima istanza stabilire se si tratti di una fistola perianale (comunicante con il canale anale) o se il tramite fistoloso sia piuttosto sostenuto da altra condizione (bulbo pilifero, cisti sebacea).
Nonè possibile accertare questo a distanza, anche se l'andamento clinico riferito farebbe propendere per la seconda eventualità, per la quale non vedo sinceramente particolari problematiche in relazione alla possibilità di recidive, una volta che sia stata identificato e rimosso il focolaio.

[#3] dopo  
Utente 110XXX

Iscritto dal 2009
ringrazio vivamente i medici che hanno risposto alla mia richiesta con sollecitudine.Mio marito ha deciso di consultare un chirurgo per risolvere il problema come suggerivano le diagnosi ricevute.Appena sarà operato vi darò notizie .grazie ancora per il vostro utilissimo servizio