Utente 146XXX
Buongiorno,
ho dalla nascita un angioma sul cuoio capelluto. Al tatto è duro e il suo colore è leggermente più rosa rispetto al cuoio capelluto. Le sue dimensioni sono di cm 2,5x 1 cm per uno spessore di 3/4 mm. Trovandosi di fatto tra i capelli non ho mai avuto l'esigenza di rivolgermi ad un chirurgo per chiederne la possibile asportazione.

Purtroppo però, spazzole e parrucchiere incorrono spesso nel mio angioma, al punto che ho limitato di molto la frequentazione dei parrucchieri stessi,per evirtare il rischio di sanguinamento. Avvenuto soltanto una volta moltissimi anni fa.

Un dermatologo, in quell'occasione, mi disse che non era possibile asportarlo senza rischi e che avrei dovuto conviverci per sempre.

Vi chiedo se, vista la posizione e la necessità con il tempo di utilizzare tinture per capelli (ho 31 anni), sia necessario prendere in considerazione l'asportazione chirurgica e quali rischi comporta?

Per quanto concerne le tinture per capelli (che fino ad oggi non ho mai effettuato), è meglio evitarle in presenza di angiomi sul cuoio capelluto?

Grazie per l'attenzione.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
gentile utente,

con i limiti di una valutazione a distanza ed in base a quello che spontaneamente ha dichiarato direi che un angioma di piccole dimensioni che sia rimasto stabile sotto il punto di vista dimensionale in così numerosi anni e che solo in una occasione, dopo un trauma, ha dato la complicanza del sanguinamento, vista inoltre la sua localizzazione, lo lascerei dove sta. non lo andrei a rimuovere.

direi inoltre che per quanto aggressive siano le tinture, anche se non posso considerarmi un esperto nel campo, queste non dovrebbero provocarle disturbi locali. il problema è che andando dal parrucchiere si possono verificare quegli eventi traumatici diretti sulla lesione che potrebbero provocarle il secondo episodio i sanguinamento.

qualora decidesse di andare dal parrucchiere potrebbe però avvertire l'operatore della presenza della lesione in modo da fornire sufficiente attenzione alla zona.

cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dottore,
sono felice di sentirmi dire che l'aspotazione non è necessaria.
Terrò senza dubbio in considerazione i suoi consigli e la ringrazio per la disponibilità dimostrata.
[#3] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
signora, la mia è una valutazione a distanza, l'ho invitata solo a valutare tutte le possibilità.

cordiali saluti