Utente 143XXX
Ho 38 anni, il palato stretto, morso incrociato monolaterale, morso un po' chiuso. L'ortodonzista mi ha detto che nel mio caso non è necessario l'intervento di osteotomia mascellare dal Pont, ma al max l'espansione rapida chirurgica del palato. Io ho il mascellare superiore ipotonico, qs è il mio problema dal punto di vista estetico, il dottore sostiene che già con l'allinaeamento dei denti la situazone migliorerà molto e che con l'espansione la depressione viene compensata.
1.E' molto doloroso il post intervento?
2. Quali sono gli effetti temporanei e permanenti sul viso (naso e zigomi, mascellare superiore)?
3. Per effetto dell'espansione il labbro superiore diventa pìù sottile?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Auletta
28% attività
4% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
E' molto doloroso il post intervento?
In genere il post intervento come in tutti i casi di chirurgia è molto soggettivo,ma la chirurgia moderna adottando tecniche che riducono al minimo l'invasività e l'aggressione ai tessuti molli e duri insieme agli analgesici di ultima generazione riducono molto i disagi post-chirrgici.
Per quanto riguarda le altre due domande,Le dico che L'ortodonzia moderna considera la fase diagnostica come elemento essenzile,nel senso che ancor prima di iniziare il trattamento l'ortodonziasta ,il chirurgo inzieme al paziente devono gia prevedere il risultato finale del trattamento.
Esistono infatti programmi informatici che simulano i movimenti dentari e le modifiche delle ossa e di conseguenza anche dei tessuti molli.Queste simulazioni sono molto importanti per il paziente propio per la grossa importanza della componente estetica del trattamento.
La risposta ha il solo scopo informativo.

http:/studiodentisticoauletta.it
[#2] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio Dott. Auletta.
L'ortodonzista al quale intendo rivolgermi lavora con invasilign, quindi progetta gli interventi in 3D. Lui però mi ha proposto di iniziare il trattamento ortodontico con invasilign, vedere fin dove si arriva con l'allineamento e poi eventualmente intervenire chirurgicamente con l'espansione rapida.
Io invece credo sia necessario nel mio caso l'espansione chirurgica e la vorrei anche fare per ridurre l'effetto bocca "incassata" ( anche se non ho i denti inclinati verso l'interno, l'estetica è tale )e mi chiedo se non abbia più senso farlo all'inizio oppure se la risposta a questo sia conseguente alla diagnosiin seguito allo studio del caso.
Prima di iniziare un trattamento ortodontico che non preveda chirurgia, si fa comunque uno studio completo del caso ( per completo intendo con analisi ossa craniche, ATM, etc ) ? Immagino la risposta affermativa, ma, come avrà capito, sono ignorante in materia.
[#3] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.ma Sig.ra,
da quanto Lei scrive sembra che, nel Suo caso, la componente "estetica" sia rilevante.
Le suggerisco di affrontare questo argomento preventivamente, prima del trattamento ortodontico, con lo specialista e, eventualmente, con il chirurgo.
Un'espansione del mascellare, anche se chirurgica, non produce infatti modifiche scheletriche tali da influire sul risultato estetico.
Proprio per questo lo studio del caso deve essere molto accurato e deve prevedere eventuali alternative chirurgiche, più adatte alle Sue aspettative.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dott. Miotti,
grazie per la risposta. Ho esposto miei dubbi al dentista, il quale però sostiene che già l'ortodonzia-invisibile in qs caso-porterà a notevoli miglioramenti, che già con la sola ortodonzia le arcate dentarie si espandono e che lui non escude la chirurgia, ma vuole procedere per gradi, strada facendo.
Io, pur fidandomi ciecamente di lui, concordo maggiormente con il discorso che Lei ha fatto. Che fare?
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Auletta
28% attività
4% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Guardi se dopo le indagini preliminari ad un tratamento ortodontico che sono sempre necessarie le indicazioni sono chirurgiche,l'ortodonzista può fare tutte le prove che vuole ma Lei deve essere consapevole e deve accettare che il risultato sarà un compromesso.
Cordiali saluti.


La risposta ha il solo scopo informativo
http:/studiodentisticoauletta.it

[#6] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio per la risposta Dott. Auletta.
Quindi al mio dentista devo richiedere tali indagini preliminari subito, prima di iniziare il trattamento, giusto? Le faccio qs domanda perchè lui mi ha detto che con invasilign non si fa lo studio del caso classico, o forse ho capito male io.
Il mio dentista esegue ortodonzia solo con invasilign, che progetta anche per altri studi dentistici.
Mi potrebbe dire nel dettaglio, che cosa devo richiedere come indagini preliminari? Le impronte delle arcate, che già possiedo e che sono molto recenti, mi ha già detto che non gli serviranno, perchè prenderà le impronte di ogni singolo dente per progettare le mascherine. Io credevo che le impronte delle arcate fossero cmq utili per lo studio dell'assetto scheletrico.
A me non spaventa affatto la chirurgia. Ciò che non voglio è un compromesso, che ovviamente implica recidive.
[#7] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.mo Sig.re,
Le confermo quanto già indicatoLe.
Dato che Lei segnala un problema estetico, è importante che questo aspetto sia studiato sin dall'inizio dall'Ortodontista, e non è il caso di suggerire esami particolari, visto che sarà perfettamente informato in proposito.
Ne parli con lui.
Cordialità
[#8] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
e visto che il mio dentista non è ortodonzista e pratica l'ortodonzia solo con invasilign, è il caso di rivolgermi altrove secondo voi?
[#9] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.ma Sig.ra,
in Italia non è obbligatorio essere specialista o esclusivista in Ortodonzia, anche se sarebbe auspicabile e la regola in diversi paesi europei ed a livello internazionale.
Le suggerisco di parlarne con il Suo dentista che, secondo coscienza, dovrebbe essere lui stesso a suggerirLe di "rivolgersi altrove" qualora non si ritenga all'altezza della situazione.
Cordiali saluti
[#10] dopo  
Dr. Giovanni Auletta
28% attività
4% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Gent.ma Sig.ra,
come dice il Dott.Miotti in Italia non è obbligatorio essere specialista o esclusivista in Ortodonzia per esercitare la disciplina,infatti ci sono colleghi che nella carriera hanno frequentato corsi di perfezionamento di altissimo livello e conoscono l'ortodonzia benissimo, ma esercitano con il titolo di perfezionati e non di specialisti.
Voglio arrivare al punto che la disciplina l'odontoiatra la deve conoscere e la deve saper fare.
La tecnica che ci riferisce Lei e ottima ma adatta ad un certo tipo di patologie,l'ortodonzista che la cura invece propio per poter scegliere la terapia più adeguata deve conoscere TUTTA l'ortodonzia.

La risposta ha il solo scopo informatico
http://studiodentisticoauletta.it
[#11] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
ancora grazie a tutti
[#12] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
...siceramente sono un po' in difficoltà perchè io su 4 ortodonzisti consultati, ho ricevuto 4 indicazioni diverse ( osteotomia bimascellare, espansione chirurgicamente assistita del palato, corticotomia più osteotomia, solo ortodonzia ). Fin'ora ho eseguito un solo studio del caso ( il quale indicava come trattamento l'espansione chirurgicamente assistita del palato più ortodonzia ovviamente ), che è stato molto dispendioso a livello economico, perciò non posso permettermi di affrontare studi del caso ogni volta che consulto uno specialista, anche se è ciò che andrebbe fatto.
Mi inquieta un particolare: non tutti gli specialisti consultati sanno dirmi se verranno tolti denti ( cosa che in assoluto voglio evitare ) o meno,in particolare chi mi ha proposto l'intervento più complesso ( corticotomia più osteotomia bimascellare ).
[#13] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.ma Sig.ra,
non deve stupirsi nè essere in difficoltà.
In Medicina e Chirurgia, come pure in Odontoiatria, è raro che vi sia un unico metodo e/o terapia. Questo può essere dovuto a diversi motivi, come per esempio provenienza degli operatori da diverse Scuole universitarie o ospedaliere, nazionali o internazionali, ma anche più semplicemente da diverse alternative terapeutiche (trattamenti "ideali", di compromesso, di compensazione,...).
Anche il problema che La inquieta "...se verranno tolti i denti...", è un argomento assai dibattuto negli anni, anche se ultimamente sono assai ridotte le indicazioni ad estrazioni dentarie in Ortodonzia rispetto al passato.
Le suggerisco di affidarsi allo Specialista che più Le ispira fiducia, senza voler accelerare i tempi, discutendo con lo stesso ogni possibile indicazione ed alternativa di trattamento.
Cordiali saluti
[#14] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio nuovamente.

Un parere: trattamento ideale= molteplici interventi invasivi non è sempre un'equazione, giusto?

scusi la stupidaggine
[#15] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.ma Sig.ra,
non è assolutamente una "stupidaggine".
Un trattamento "ideale" può essere semplicissimo, ma può anche essere un'insieme di "molteplici interventi invasivi".
La cosa più importante è l'indicazione corretta, che deriva da un iter diagnostico accurato.
Cordiali saluti
[#16] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio.
Senta Dott. Miotti, vista la sua specializzazione, le chiedo anche: esistono assicurazioni che prevedano la copertura parziale almeno di spese odontoiatriche e ortodontiche? Guardi, sono ignorantissima anche in qs campo, ma visto che intendo farmi un'assicurazione e visto che la mia assicurazione bancaria copre la degenza ospedaliera, mi chiedevo se esistono assicurazioni che prevedono la copertura di altre spese sanitarie
[#17] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.ma Sig.ra,
esistono sia assicurazioni che forme integrative per assistenza odontoiatrica.
Mi risulta che anche la Provincia di Trento abbia istituito facilitazioni o rimborsi almeno parziali per il trattamento ortodontico.
Le suggerisco di chiedere informazioni agli uffici dell'Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari, nonchè alla Sua Assicurazione.
In alternativa, penso che attraverso Internet possa trovare le maggiori risposte.
Cordiali saluti
[#18] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
Sì la provincia di Trento sovvenziona le spese odontoiatrico-ortodontiche per i minori di 16 o 14 anni.
Ancora grazie e buon lavoro
[#19] dopo  
Dr. Dario Spinelli
36% attività
16% attualità
16% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
A Trento può rivolgersi ad uno degli ortodontisti italiani più noti e sicuramente molto competente.
L'ortodonzia non può essere fatta solo con Invisalign, poichè questo apparecchio può affrontare adeguatamente meno del 10% dei casi. Sicuramente non può allargare il palato neanche di 1 mm neanche nei bambini. Quindi si rivolga senza dubbio altrove... E' la prima volta che sento di un collega che fà ortodonzia solo con Invisaligne e, da specialista che usa ANCHE Invisalign, SONO SINCERAMENTE SCIOCCATO.
Per precisare quella che viene fatta dalla ditta per programmare il caso non ha nulla a che vedere con la programmazione su foto e radiografie a cui faceva riferimento il collega all'inizio.