Utente 146XXX
Prima di tutto vorrei ringraziarvi per l'opportunità che ci date a tutti noi che abbiamo un broblema di salute.Sono una signora di 52 anni residente a Caserta ed ho una cardiopatia dilatativa e sono una ex fumatrice da quasi tre anni.Succede tutto nel luglio 2009 mentre stavo mangiando in famiglia e allimproviso mi viene un arresto cardiaco.Portata in ospedale vengo operata con urgenza alla clinica "SAN MICHELE A MADDALONI IN PROVINCIA DI CASERTA",durante lintervento mi viene messo un inpianto di"PACEMAKER + DEFIBRILLATORE".Da allora sto seguendo rigorosamente la cura a me data dal medico che mi segue,facendo una visita di controllo una volta al mese.Nell'ultimo controllo fatto il 04/02/2010 dove mi è stato fatto un elettrocardiogamma,il dottore mi ha detto che il cuore è piu'affaticato del solito e che il pacemaker sta andando in funzione quasi tutti i giorni,poi mi è stato detto di sottopormi ad un ecogrfafia al cuore.La domanda che voglio farvi è se è possibile tutto qusto e se ho capito bene,poi cosa può succedere con il pacemaker che va in funzione tutti i giorni.Vi ringrazio molto per la risposta che mi darete arrivederci a presto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
compito del pacemaker è quello di entrare in azione allorquando i battiti cardiaci scendono ben al di sotto della normalità e pertanto la sua funzione è fondamentalmente salvavita e necessaria al mantenimento delle funzioni vitali giornaliere.
Saluti