Utente 146XXX
mio figlio, un ragazzone di anni 16, da circa 25 giorni accusa dolore addominale acuto al livello ombelicale, non costantemente. Inizialmente i dolori erano fortissimi, tanto da portarlo al pronto soccorso per una sospetta appendicite, esame emocromo, tutto nella norma, dalla consulenza chirurgica: EO trattabile, dolente alla palpazione profonda in fossa iliaca destra.Dopo due giorni, eseguita E.T.G. addome superiore: fegato di normali dimensioni ed ecotessitura. in atto, non lesioni intraparenchimali a carattere sostitutivo, non ascite. V.B.I.e V.B.E. non dilatate. Colecisti distesa, a pareti regolari, alitiasica. Asse splenoportale nella norma. Pancreas scarsamente esplorabile per sovrapposizione meteorica. In atto, non evidenti versamenti in retrocavità. Milza nei limiti. Reni in sede fisiologica i con regolare rapporto cortico-midollare. Non idronefrosi, non calcoli. I dolori continuano, dopo circa 4 giorni il Gastroenterologo ci fa eseguire il clisma del tenue, che ha escluso lesioni organiche a carico del tenue e del colon. L'appendice si inietta con notevole ritardo, irregolarmente e sembra essere orientata medialmente. Altre notti di coliche. Il Gastroenterologo ci consiglia ricovero urgente in AO per verosimile appendicite sub-acuta. Giunti in ospedale, il chirurgo, dopo una breve consultazione delle rx clisma del tenue ed una breve palpazione dell'addome, ci riferisce che non si tratta di appendicite. Ci ivia a casa con una cura di bustine YOVIS x 3 al dì, per 10 giorni. La mattina successiva, (miracolo), mio figlio va regolarmente in bagno, mentre prima non riusciva ad evacuare con regolarità. Dopo circa 4 giorni di benessere, si ripresenta il sintomo, vengono eseguete altre due esami di emocromo, tutto regolare. Esami della celiachia, negativo. Esami parassitologici delle feci, tutto negativo. Nel frattempo viene eseguita un'altra ecografia addome sup. ed inf., tutto nella norma. Ancora non sappiamo di cosa soffre nostro figlio, anche se in questi ultimi giorni ci siamo convinti che possa essere un'ernia addominale interna. I sintomi coincidono. Siamo in attesa di una nuova consulenza chirurgica, tra due giorni. Anticipatamente ringrazio tutti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
40088

Cancellato nel 2010
Gentile signore, oggi 9 febbraio avrà già consultato
di nuovo il chirurgo. Sinceramente non saprei darvi un parere;si tratta forse di un banale Colon Irritabile?(la cosiddetta Colite); che è un disturbo su base ansiosa?
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
Innanzi tutto grazie per avermi risposto, voglio riepilogare la situazione di mio figlio, il quale proviene da una storia di Ernia iatale, Esofagite grado A. Reflusso gastro-esofageo, Duodenite, H.P. negativo endoscopicamente accertata nel 2008. Buona la risposta alla terapia medica. PH metria e manometria già fatta, ed in questi due anni ha controllato la sintomatologia con rabeprazolo on demand. Ieri 09/02/2010 è stato visitato da un altro chirurgo eseguendo anche un'altra ecografia, il risultato? Piccola ernia ombelicale di 5.74 mm, appendice poca amovibile, comunque non è possibile che un'ernia così piccola possa generare dolori così forte, per cui è possibile che tutti questi sintomi, nell'insieme abbiano potuto causare tutti questi forti dolori e che è meglio tenere il più possibile l'intestino libero, facendo anche uso del farmaco Domperidone per un mese, nonchè di fermenti lattici vivi. Questo è tutto quello che ci riferito il Chirurgo. Intanto mio figlio continua ad accusare dolori all'altezza dell'ombelico e che comunque se con la mano lo tiene ben pressato, il dolore si allevia. Voi cosa ne pensate? Ringrazio anticipatamente tutto lo staff, nonchè tutti quelli che mi risponderanno.
[#3] dopo  
40088

Cancellato nel 2010
Gentile signore,
personalmente ribadisco il mio sospetto diagnostico:
Colon Irritabile? Lei può fare una prova(se non l'ha
già fatta),quella che noi Medici chiamiamo " prova ex iuvantibus"; cioè può somministrare un antispastico
(tipo alginor,buscopan,riabal,ecc.); se il dolore passa significa che il sospetto di Colon Irritabile è attendibile.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
Gentilissimo Dottore, la ringrazio nuovamente per le risposte tempestive che mi ha dato. Comunque abbiamo già provato a somministrare lo Spasmomen, nella prima assunzione del farmaco i dolori si sono attenuati, l'indomani dopo aver assunto nuovamente lo spasmomen, il dolore è rimasto invariato, tanto da consultare nuovamente il Gastroenterologo, il quale proprio in quel caso, ci ha mandati dal chirurgo per una verosimile appendicite-subacuta, successivamente abbiamo seguito tutto l'iter che ho descritto precedentemente. Tutt'oggi, mio figlio continua ad alleviare il dolore tenendo pigiato con la mano lo stomaco, all'altezza dell'ombelico per avere conforto. Certo e da tenere in considerazione che dall'inizio del dolore ad oggi, la situazione è migliorata, anche se non sappiamo ancora con certezza cosa gli abbia causato tutto questo malessere e che continua ad avere? Ringrazio anticipatamente.
[#5] dopo  
40088

Cancellato nel 2010
Gentile signore,
a questo punto, personalmente, Le consiglio
il ricovero in Ospedale per rivalutare ed approfondire il problema, onde giungere ad una diagnosi certa.
Cordiali saluti e auguri.
[#6] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
Egregio Dottore, La ringrazio per il consiglio, attenderemo qualche altro giorno, per poter valutare meglio, quanto il chirurgo ci ha proposto, sperando che nostro figlio cominci a migliorare ancora di più.
P.S. Il medico di base ci ha proposto, se il sintomo dovesse persistere ancora per lungo tempo, di eseguire una endoscopia ombelicale. Lei cosa ne pensa?








[#7] dopo  
40088

Cancellato nel 2010

Egregio signore,
con l'Endoscopia ombelicale non si esplora l'ombelico
( forse lo sa), ma si esplorano gli organi addominali "attraverso" l'ombelico, con una micro-videocamera.
Quindi, il Chirurgo puo' non sentire la necessita'
dell' Endoscopia, essendo già stati effettuati precedenti
esami con scopi esplorativi.
Cordiali saluti
[#8] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
Gentilissimo dottore,
La ringrazio sempre di più, per i consigli che mi da.

[#9] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
Alla fine era una forte intolleranza al lattosio, che causava questi crampi addominali.