Utente 136XXX
Salve. Alla fine di Novembre, in seguito ad una visita militare mi hanno riscontrato un varicocele di II grado a sinistra (nella circolare attinente le cause di inidoneità per il servizio militare è esplicito il riferimento all'impossibilità di rientrare nei paramentri con un varicocele di III grado ed eventuali malformazioni). A questo proposito chiedo a voi gentilmente consigli sperando di averne quanti più possibili.
L'eco testicolare fatto a Novembre riporta: Didimi ed epididimi normali per ecostruttura e dimensioni. Varicocele di II grado a sinistra (anche se secondo il radiologo era di III grado).Regolare spessore delle borse scrotali.
Mi chiedo: alla fine di febbraio avrò la visita specifica, è necessario operare con anestesia generale questo varicocele??? Ho solo 20 anni e faccio sport ed ho bisogno di farlo, di conseguenza temo che questa semplice e banale operazione possa tenermi a riposo per molti giorni e non posso permettermelo.
Ultimamente poichè faccio sport (corsa) avverto un fastidio al testicolo sinistro e mi alzo ogni mattina con un forte dolore alla schiena, zona lombare per la precisione.Ora, mi auguro il primo punto sia solo una fissa mentale e vorrei avere conferma da voi, il secondo punto credo, per mia ignoranza, non abbia logicamente nulla a che vedere con il varicocele e probabilmente è da ritenersi causa conseguenziale ad un modo sbagliato in cui studio.

Attendo consigli sull'eventuale operazione da fare e su come muovermi qualora lo specialista mi dicesse che è da operare necessariamente.
Vi ringrazio per la cortesissima attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

ma è stato fatto un esame del liquido seminale in struttura dedicata ed aggiornata?

Detto questo comunque si ricordi che quadri clinici particolari come il suo non possono essere affrontati e tanto meno capiti e risolti tramite una semplice e-mail e richiedono sempre una attenta valutazione clinica diretta.

A questo punto, senza perdere altro tempo prezioso, consulti il suo medico di famiglia che, esaminato in prima istanza il suo problema, potrà eventualmente indirizzarla successivamente verso una più mirata valutazione specialistica andrologica.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 136XXX

Iscritto dal 2009
No,perche' come le ho scritto avro' visita specialistica alla fine di febbraio. Volevo per lo meno avere un quadro generale per come e' meglio affrontare questo intervento e con quali metodi mediamente si agisce. Attendo ulteriori chiarimenti grazie.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

se desidera avere informazioni più dettagliate su questo particolare ma complesso tema andrologico le consiglio di consultare alcuni articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=67533

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=37883

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=54716

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=73246

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=69638

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=35752

Un cordiale saluto.