tac  
 
Utente 147XXX
Salve,
vorrei avere un informazione. Il 23 dicembre sono stato portato a pronto soccorso credendo di aver avuto un'infato anche se i sintomi non portavano a questo. Sono stato dimesso dopo due ore con febbre alta e il medico mi disse che era una bronchite mal curata. Dopo di questo mi sono rivolto al medico di famiglia e per precauzione mi ha fatto fare gli analisi del sangue e delle urine,visita cardiologa e eletrocardiogramma, una radiografia toracica ed in fine una tac col contrasto. Le analisi sono uscite buone e i valori sono nella norma ma sia la radiografia che la tac è uscita una macchia al polmone sinistro.Per precauzione mi dovro fare la broncoscopia. Sono anche un fumatore.Mi devo preoccupare di questa macchia di 2 cm che ho?
Aspetto una risposta grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Purtroppo in questa fase dei dubbi sulla natura della macchia ci sono: per questo le e' stato consigliato di eseguire una broncoscopia. Ma, mi scusi, la TAC con mdc cosa ha realmente evidenziato?
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 147XXX

Iscritto dal 2010
Referto : Processo con aspetto neoformativa di circa 2 cm di diametro dell'ilo polmonare di sinistra prossimo all'arteria polmonaria con concomitante disomogenea ateletasia del parenchima polmonare di pertinenza del segmento lingulare estesa fino alle regioni subpleuriche.
Indispensabili indagini broncologiche . Modico versamento pleurico della grande cavità a sinistra. Nulla a carico del parenchima polmonare di destra.
Non si apprezzano tubefazioni linfanadiali delle stazioni ilo mediastiniche.
Grazie per la risposta
Cordiali Saluti
[#3] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Confermo la mia prima impressione, e cioe' che ritengo indispensabile indagare a fondo il problema presentato alla TAC mediante esecuzione della broncoscopia, come del resto ampiamente consigliatole anche da chi la sta seguendo da vicino.
Cordiali saluti