Utente 300XXX
Da un pò di tempo ho problemi di erezione completa, che non mi permette la penetrazione. Ho interpellato un andrologo, che dopo una serie di analisi del sangue e dello sperma, mi ha prescritto dei calmanti e il Viagra. Non ho avuto neanche la sodisfazione di una diagnosi. Naturalmente non ho preso il Viagra, in quanto vorrei risolvere il problema definitivamente con una terapia, qualora sia possibile. Pertanto sono disponibile a ricominciare tutta la trafila delle ricerche e cure possibili. Da dove iniziare e come??. Vi prego aiutatemi.


Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gent.le utente,
ha eseguito esami ormonali e non un ecolordoppler dei vasi ipogastrici e penieni?
Una volta dimostrata la normale pervietà dei vasi sanguigni se la sua viene classificata come impotenza psicogena sarà utile un controllo da uno psicologo/sessuologo.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gent.le utente,
ha eseguito esami ormonali e non un ecolordoppler dei vasi ipogastrici e penieni?
Una volta dimostrata la normale pervietà dei vasi sanguigni se la sua viene classificata come impotenza psicogena sarà utile un controllo da uno psicologo/sessuologo.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
caro signore come prima cosa le convine rivolgersi ad un urologo/andrologo che la visiterà e vedrà gli esami ed eventuale terapia più idonea, in quanto la disfunzione erettile è una patologia multifattoriale che deve essere vista con calma e studiata con esami specifici e terapie specifiche al singolo individuo
Cordiali Saluti
Dott. Giuseppe Quarto
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
anch'io le consiglio una corretta valutazione andrologica che generalmente prevede una attenta indagine neurovascolare ed ormonale. Fatta la diagnosi poi sarà il suo andrologo a decidere la giusta terapia.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta.