Utente 336XXX
Buongiorno, vorrei esporvi la mia storia.
Purtroppo da un anno e mezzo io e mio marito stiamo cercando una gravidanza senza risultato, dopo i controlli è risultato che mio marito ha un brutto spermiogramma. Vi scrivo qui di seguito quanto è emerso:
concentrazione sp/ml 0,3
totale spermatozoi (milioni) 0,9
centrifugato a 40 x 10-15 sp.zoi per campo 1/4 mobili la maggior parte lenti n.se cellule rotonde
Leucociti assenti Cell. germinali assenti
note a fresco fuori dal reticolo 2-3 sp.zoi mobili rarissimi progressivi colore biancastro vol 3 ml aspetto opalescente ph 7,5 odore sui generis detriti+++ visc. normale liquefazione completa
alcuni elementi nemaspermici il 25% circa mobili lenti di morfologia alterata alcuni granulociti neutrofili
note al morfologico sugli elementi osservati teste piccole e allungate teste amorfe e code rigonfie.

Come potete capire non c'è da stare allegri!
siamo stati subito da un urologo che tramite ecografia ha escluso varicocele e altri problemi. Quindi gli ha prescritto i dosaggi ormonali dai quali è risultato un fsh a 12,50, un valore un po' alto e ora dobbiamo prenotare la capacitazione presso un centro di infertilità.

La mia domanda è in che cosa consiste il test di capacitazione e visto uno spermiogramma del genere non possiamo aspettarci nulla di buono vero? Ormai siamo destinati alla ICSI.

Grazie di cuore per questo prezioso servizio.

Attendo una Vostra risposta.

Cristina

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice,
se tutte la valutazioni di base ,per capire l'importante dispermia di suo marito, sono nella norma, l'FSH "mosso" indica una sofferenza dei tubuli seminiferi . Il test di capacitazione aiuta ad indicarci quanti spermatozoi sono "attivi" e a confermare la strategia terapeutica. A proposito sono già state fatte le valutazioni citogenetiche ? Queste, oltre a darci ulteriori indicazioni sulla causa del problema di suo marito, sono indispensabili per accedere alle successive tecniche di riproduzione assistita.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta.
www.andrologiamedica.org
[#2] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
che l'FSH fosse al di fuori del range di normalità era da attendersi.
Il test di capacitazione ha lo scopo di separare gli spermatozoi con le caratteristiche migliori da utilizzare poi in una inseminazione intrauterina o per le tecniche di fecondazione assistita. Consiste nell’arricchimento del liquido seminale con terreno di coltura contenente sostanze capaci di incrementare la motilità degli spermatozoi, "capaciatandoli" appunto. Non si preoccupi per tutto il resto: di certo i Colleghi Specialisti che La seguiranno verso una tecnica di fecondazione assistita sanno benissimo come e cosa fare.
Davvero affettuosi auguri per la realizzzione del Suo desiderio.
Cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#3] dopo  
Utente 336XXX

Iscritto dal 2007
Grazie, siete stati gentilissimi ad avermi risposto prontamente.
Lunedì prossimo avremo i risultati della capacitazione e vi terrò informati.
Ancora una cosa se mi permettete, è possibile che il test di capacitazione ci dia ancora brutte notizie e che non si trovino spermatozoi attivi o ben formati? in quel caso come si potrà procedere?

Grazie ancora di cuore.

Cordiali saluti.

Cristina
[#4] dopo  
Utente 336XXX

Iscritto dal 2007
Grazie, siete stati gentilissimi ad avermi risposto prontamente.
Lunedì prossimo avremo i risultati della capacitazione e vi terrò informati.
Ancora una cosa se mi permettete, è possibile che il test di capacitazione ci dia ancora brutte notizie e che non si trovino spermatozoi attivi o ben formati? in quel caso come si potrà procedere?

Grazie ancora di cuore.

Cordiali saluti.

Cristina
[#5] dopo  
Utente 336XXX

Iscritto dal 2007
Gentili Dottori,
sono ancora qui a distanza di giorni. Purtroppo il test di capacitazione di mio marito è andato male: hanno trovato solo 4 sp.zoi mobili di tipo B e hanno dovuto fare la centrifuga visto l'esiguo numero iniziale. Il nostro urologo dice che non esiste nessun tipo di cura e ci ha semplicemente affidati al centro infertilità del Galliera al quale dobbiamo telefonare dal 21 giugno in poi per prendere un appuntamento. La mia domanda è: con un FSH a 12,50 e quindi non altissimo è possibile avere dei risultati del genere o ci sarà qualcosa di più grave? Secondo voi il centro infertilità accetterà il nostro caso? Scusate le mille domande, ma sono spaventata ho paura che non riusciremo nemmeno a fare una icsi.

Grazie per le risposte che vorrete inviarmi.

Cordiali saluti.

Cristina
[#6] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
inutile disperarsi e cercare risposte che sarebbe impossibile ottenere personalmente ...figuriamoci via e-mail.
Il Centro che avete scelto è ottimo. Ci vuole molta fiducia, costanza e tenacia. Se qualche risultato sarà possibile...verrà fuori solo percorrendo fino in fondo la strada che Vi è stata indicata.
Affettuosi auguri per tutto e cordialissimi saluti
Prof. Giovanni MARTINO
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,
le confermo che il Galliera è una delle strutture che ha un'ottima fama nel trattamento di queste problematiche riproduttive. Se lo desidera può anche chiedere una consulenza con il dr. Mauro Costa, mio carissimo amico, che lavora con competenza e da anni in questa struttura ospedaliera. Visto poi il suo stato d'animo pieno di paura e timori , se lo desidera può avere altre informazioni su questi temi e soprattutto un confronto con altre persone che hanno il suo stesso problema visitando anche il forum "infertilità" nel sito: www.madreprovetta.org .
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta.
[#8] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
credo che possiate affidarvi con la massima fiducia al Centro che il Vostro Specialista vi ha segnalato. Al di là delle raccomadazioni, fenomeno tipicamente italico duro ad estinguersi, sono certo che troverete comunque la massima attenzione, professionalità e ompetenza. Lo dico soprattutto per il rispetto che tutti i Colleghi che prestano la loro opera in quel Centro di certo meritano, indistintamente (e fino a prova contraria).
Auguri affettuosi per tutto quello che desiderate.
Cordialissimi saluti
Prof. Giovanni MARTINO
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice ,
non si tratta di raccomandazioni italiche, ma di pura stima professionale e conoscenza diretta di come un collega lavora. Essendo poi il Dr Costa il responsabile dell'Unità a cui è stata indirizzata potrebbe essere per lei un ulteriore aiuto a muoversi in quella stessa struttura. Le indicazioni utili , gli aiuti non sono "raccomandazioni di tipo italico" , ma fanno parte di un fenomeno che fortunatamente è presente in tutto il mondo civile. Poi mi si deve spiegare che cosa vuol dire "fenomeno tipicamente italico duro ad estinguersi" .
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta.
[#10] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
la mia puntualizzazion era ed è solo volta a sottolineare che Internet è un mezzo di comunicazione pubblico. E aggiungo che più pubblico non si può. Qui non siamo nel salotto di casa, non siamo al bar daventi al caffè, non siamo al telefono con un amico e non siamo nemmeno nel proprio studio professionale. Siamo in rete. Tutti leggono, fanno deduzioni e considerazioni. Non si deve mai dimenticare che stiamo utilizzando un mezzo di comunicazione, intendo Forum e posta elettronica, che se ci si riflette bene sopra, è lontano anni luce da quello che è e dovrebbe essere il rapporto Medico-Paziente. Allora evitiamo storture. Le faccio l'esempio della città dove lavoro, ma il problema può essere allargato a tutta Italia, Toscana, Lombardia, Emilia Romagna, Campania, Sicilia. Conosco personalmente, oppure indirettamente, buonissima parte dei Colleghi che frequentano il nostro Forum, e non solo nella mia disciplina diretta. Ne conosco capacità professionali, capacità umane, abitudini e consuetudini (alcune molto ma molto "insolite"). So chi considero amico e chi no.
Ma non per questo...IN QUESTA SEDE PUBBLICA OVVIAMENTE... mi permetto di esprimere attestati di merito. In sede PRIVATA, il discorso è totalmente diverso ed opposto. Non capisco per quale motivo dovrei fare il nome di un mio amico che lavora in una Struttura Universitaria od Ospedaliera, raccomandandone le virtù...rispetto ad altri 50 Colleghi magari altrettanto capaci e meritevoli di santificazione...che hanno...meschini...il solo torto di non conoscermi????
E naturalmente sto parlando di comportamenti in perfetta buona fede, chiaro. Altrimenti siamo nell'ambito del "mobbing" e molto vicini all'illegalità.
Per foturna anche in Italia, patria della "raccomandazione", "segnalazione", "indicazione", "sollecitazione", del classico "mi manda Picone"...o del "Lei non sa chi sono io"...le cose stanno cambiando. Ci si comincia giustamente ad indignare. Si comincia finalmente a rendere di pubblico dominio questo "stile" particolare di comunicazione interpersonale. Ed a denunciarlo. Almeno questo è il mio atteggiamento personale.
Spero di averLe chiarito, gentile Utente, il senso della mia risposta.
Le ribadisco che il Centro prescelto per l'iter diagnostico e terapeutico è eccellenete.
Auguri affettuosi
Prof. Giovanni MARTINO
[#11] dopo  
Utente 336XXX

Iscritto dal 2007
Grazie a tutti voi del vostro incoraggiamento.
Spero di darvi buoni aggiornamenti al più presto.

Cordiali saluti.

Cristina
[#12] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
ancora auguri e cordiali saluti a Lei ed al Suo compagno.
Prof. Giovanni MARTINO
[#13] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice ,
vada tranquilla all'appuntamento, e , appena possibile, ci aggiorni.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta.

[#14] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
come Lei ha giustamente sottolineato...l'incoraggiamento a muoversi, fare, vedere, chiedere...è uno degli obbiettivi che si propone di raggiungere, nel dare consigli professionali, chi ha deciso di rispondere su questo Forum.
Affettuosi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO