Utente 148XXX
Salve, son un ragazzo di 22 anni e per la prima volta, 2 settimane fa, ho notato sulla carta igienca la presenza di una macchia di sangue di colorazione rosa..non ci ho dato molto peso perchè si trattava di un caso isolato e soprattutto le dimensioni non lasciavan presagir drammi in vista..una settimana fa l'episodio si reitera con le stesse modalità e, come nel primo caso, forse dovuto al dubbio stesso si trattasse di sangue, anche in questo caso non me ne son preoccupato..stamattina invece ho dissipato qualsiasi dubbio sulla natura della stessa apurando fosse sangue in quanto sulla carta igenica, in prossimità di dove avevo pulito , c'era chiaramente una striatura di sangue della lunghezza di circa 2 cm.. Faccio presente che a occhio nudo non ho notato tracce o macchie di sangue nelle feci ed è stato quello il motivo pricipale per cui inizialmente non me ne son curato, e sorpattutto, anche se penso sia difficile notarlo, le macchie di sangue si son presentate in prossimità dei residui sulla carta igenica e mai mischiate e mai alle prime pulite ma sempre nelle successive passate..è da 1 qualche tempo che ogni tanto ho prurito nella zona anale per cui ho subito pensato fosse una lesione involontaria ma controllando non m'è parso di scorgerne nessuna..Volevo saper se c'è motivo di preoccuparmi o il tutto rientrà nella normalità..Grazie dell'ascolto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Non possiamo asserire che i sintomi descritti "rientrano nella normalita'", perche' di certo non e' normale trovare sangue nelle feci. Diciamo che e' lecito aspettarselo in caso di patologie del canale anale come per esempio le emorroidi. Le cito questa patologia a solo titolo di esempio, essendo peraltro la causa piu' probabile soprattutto considerando la sua giovane eta'. E' pero' necessario che lei si rechi a visita dal suo Medico (o meglio ancora da uno Specialista in Chirurgia) allo scopo di confermare la diagnosi, verificare se non vi siano altri problemi e infine ascoltare consigli su quale potrebbe essere la giusta soluzione al suo caso.
Cordiali saluti