Utente 130XXX
Buongiorno,
vi scrivo per mio marito. Soffre da qualche anno di ernia ombelicale; per paura non ha voluto operarsi subito ed ora ha raggiunto dimensioni ragguardevoli. Da qualche mese soffre di dolori alla pancia ed attorno all'ernia stessa, ieri sera molto più forti del solito. L'ho convinto a farsi visitare da un chirurgo per decidere il da farsi.
Lui dice di collegare l'insorgenza di questi dolori all'aver mangiato particolari alimenti. E' possibile? E cosa dovrebbe evitare di mangiare?
Ancora una domanda...Usa da tempo fasce più o meno contenitive. Possono servire o sono dannose viste le dimensioni dell'ernia che ormai è quasi sempre completamente esterna e delle dimensioni all'incirca di un pompelmo?
Ci sono accorgimenti che può adottare in attesa dell'intervento?
Vi ringrazio tantissimo e saluto cordialmente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
L'ernia ombelicale non e' influenzata dai cibi che suo marito assume. Credo invece che sia opportuno, come gia' pianificato, che si faccia visitare da un Chirurgo: anche se non sono evenienze frequenti, c'e' sempre la possibilita' che l'ernia si "strozzi", provocando davvero guai seri. Per quanto rigurda le fasce contenitive personalmente non sono mai troppo favorevole perche' spesso causano maggiori difficolta' in corso di intervento chirurgico: se dunque ipotizziamo che prima o poi si dovra' operare e' preferibile stare a riposo ed evitare sforzi addominali fino a quel momento.
Cordiali saluti