Utente 140XXX
a mia suocera fu diagnosticato un epatocarcinoma(3cm) al fegato a ottobre 2009...è da premettere che da 18 anni si curava x l'epatite ma in ogni caso la situazione era sotto controllo...il medico l'ha operata il 19 gennaio 2010 dicendo che c'erano tutte le caratteristiche idonee x suppotare un intervento simile.....prima dell'intervento si parlava di epatite,dopo l'intervento si parlava di cerrosi epatica.....io mi chiedo si puo' praticare un intervento del genere su un fegato cerrotico?inoltre,dopo che ha tolto il drenaggio ha avuto dolori addominali perche aveva altri 300 ml di siero,che poi fu asportato dal medico stesso e fu rimandata a casa...cmq dopo mercoledi nn cominciava a mangiare tanto e quel poco lo vomitava,ma x il medico era sempre tutto normale.....secondo lui era il post operatorio.......io so solo che di nostra iniziativa l'abbiamo portata al pronto soccorso con valori alterati al massimo (esempio:globuli bianchi a 46000),ha avuto un insufficienza epatica cn blocco urinario ,pressione bassissima e valori sangugni alteratissimi....
Dopo 2 giorni in rianimazione èdeceduta inaspettatamente.....
mi potreste dire se si puo attuare un intervanto simile su un fegato cerrotico?dv è l'errore?cosa puo essere accaduto secondo voi?
grazie anticipatamente sono disperata...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signora
le resezione epatiche per epatocarcinoma su cirrosi vengo effettuate proprio per cercare di limitare la diffusione della malattia neoplastica. Purtroppo si tratta di interventi molto delicati che possono andare incontro a complicanze anche gravi come quella da lei descritta, che quando avvengono diventano poi quasi impossibili da gestire.
Difficile quindi per noi immaginare cosa possa essere successso (raccolta biliare, ascesso sottoepatico, shock settico, altro ?) ed immaginare eventuali errori.
Credo che la cosa migliore sia parlare con i colleghi del reparto che hanno effettuato l'intervento e chiedere il loro parere.
Le sono comunque vicino.

[#2] dopo  
Utente 140XXX

Iscritto dal 2009
gentile dottore la ringrazio x la risposta....le volevo inoltre chiedere,vito che mercoledi mia suocera ritorno in ospedale x togliere 300 ml residui di siero,mio suocero chiese se potevano ricoverarla perche lei nn si sentiva piu le forze e nn riusciva ad aliemtarsi autonomamente perche aveva i vomiti,perche il dottore che l'ha operata nn riteneva necessario il ricovero,perche secondo il suo parere la paziente godeva di ottime condizioni di saute e l'intervento era riuscito?giustficava il lamenti di mia suocera dicendo che era lei che nn reagiva...dopo queste parole chiarificatrici del fatto che mia suocera stesse bene,nn mi aspettavo che morisse dopo 4 giorni.......4 giorni primo tutto ok,4 giorni dopo muore.....secondo lei c'è qualcosa che nn va?vorrei un parere medico,perche io sn incompetente.....come devo comportarmi x scoprire la verita?