Utente 135XXX
Salve,
le spiego brevemente cosa mi è successo.
un mese fà esattamente il 14/01 ho inizito ad avere una forte tosse e leggera febbre. Il medico mi ha diagnosticato una bronchite : cura di antibiotico e
fluimucil.
La tosse non mi è MAI passata, anzi era sempre piu forte ed io iniziando ad avere dolori al petto tornai per ben 3 volte da lui, sentendomi
sempre dire "non è nulla, passerà".
Il problema ora è che sono 5 giorni che nella parte destra del torace ( da sotto il seno fino alla fine delle costole) ho un dolore fisso e fortissimo,
che si accentua ancora di più con qualsiasi movimento per non dire con la tosse!! vedo davvero le stelle.
Sono andata al pronto soccorso : dalla lastra mi hanno detto che non risulta niente, ma avendo ancora la tosse, devo rifare l'antibiotico ( 3 agumentin al gg per 8 gg )
e tachipirina per il dolore,in quanto per loro è un problema pleuritico .

ma io mi chiedo :
se il dolore lo sento anche solo toccandomi..non è più probabile che sia una costola incrinata ( anche se non ho preso colpi ) oppure che, a furia di fare un mese a
tossire mi si è "stirato" un muscolo?
mi puo' aiutare, davvero non so più cosa fare!
posso fasciarmi il torace? o mettere un corpetto o qualcosa che mi aiuti a limitare i movimenti?

e poi...un'altro antibiotico, addirittura 3 volte al giorno che mi causa anche nausea, è davvero necessario?
grazie mille

Valuta ospedale

[#1] dopo  
148333

Cancellato nel 2010
La radiografia fatta in P.S. ha escluso un eventuale focolaio di broncopolmonite; ma se ci fosse una pleurite qualcosa nella lastra si dovrebbe vedere.
Il tanto tossire può aver causato un dolore intercostale; in questo caso l'immobilità può dare sollievo..... ma occorre respirare!
In questo caso riposo e antidolorifici faranno effetto nel giro di qualche giorno.
Provi però gentilmente a caratterizzare meglio il sintomo doloroso al torace; per caso ha sensazioni di bruciore, di prurito o di scossa elettrica? E ha per caso notato qualche eruzione sulla pelle (macchie rosse con o senza piccole bollicine) lungo il tratto dolente? Se così fosse vada subito dal suo medico curante per escludere un eventuale herpes zooster (comunemente detto fuoco di Sant'Antonio) che nel suo caso è la principale causa di dolore che andrebbe esclusa.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 135XXX

Iscritto dal 2009
grazie mille per la sua risposta...
comunque no...non ho nessuno du quei sintomi per il dolore....è solo dolore fisso che si attenua quando sono sdraiata e si accentua tantissimo con qualsiasi movimento.
sono davvero spaventata....
qui mi parlate di pleurite!!!!
mi devo preoccupare?
[#3] dopo  
148333

Cancellato nel 2010
Se effettivamente si tratta di pleurite la cura è quella, a base di antibiotici. La pleura, quella membrana o pellicina che avvolge i polmoni, è molto sensibile, a differenza del polmone che invece non lo è per niente. C'è una pleura che avvolge il polmone e una che riveste la cavità interna del torace. Queste due membrane sono in contatto diretto e la loro infiammazione quindi provoca dolore che può migliorare in certe posizioni, quando si riduce il loro sfregamento.
Non è una situazione preoccupante, però segua i consigli e le terapie dei medici che l'hanno visitata e si faccia controllare dal suo medico curante affinchè tutto si risolva senza ulteriori problemi.
Eviti per un pò, se possibile, tutte quelle situazioni che le possono stimolare ulteriore tosse, quali fumo, prodotti chimici per la pulizia della casa, aria riscaldata eccessivamente secca e così via.
Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 135XXX

Iscritto dal 2009
la ringrazio molto, è davvero gentile, mi tranquillizza molto...
domanda stupida...
lunedì ho un'otturazione da fare, posso fare tutto tranquillamente?
e se stessi a casa in malattia, tranquilla, non sarebbe meglio?
grazie mille
[#5] dopo  
148333

Cancellato nel 2010
Per quanto poco preoccupante, la pleurite è pur sempre una infezione che andrebbe curata anche con il riposo. Non per altro, ma dopo un mese di tosse il suo sistema immunitario non sarà al massimo. Quindi riterrei molto utile un pò di riposo, evitando di stare in luoghi pubblici e limitando quindi l'esposizione ad altre possibili infezioni.
Anche il lavoro del dentista non dovrebbe creare alcun fastidio; se non fosse un problema però le direi di rimandarlo di qualche giorno.
Cordialità
[#6] dopo  
Utente 135XXX

Iscritto dal 2009
Perfetto, Grazie mille.