Utente 139XXX
Buongiorno.
Vi spiego la mia situazione: sono un ragazzo di 25 anni e soffro di eiaculazione precoce. Dopo poche spinte (6-7) raggiungo l'orgasmo.
Sono andato da un andrologo, secondo il quale, almeno in parte, il mio problema è dovuto ad una eccessiva sensibilità del glande. Quindi nei rapporti ho iniziato ad usare la crema anestetizzante Emla (già prescrittami anche dal mio medico di base). L'ho utilizzata 7-8 volte senza problemi.
La settimana scorsa ho avuto bruciore al glande e arrossamento, soprattutto dopo aver urinato. La cosa è durata 4 giorni. Per sicurezza sono andato dal mio medico, che mi ha detto che probabilmente avevo avuto un'infezione alle vie urinarie ormai passata. Dopo 3 giorni ho avuto un nuovo rapporto con la mia ragazza, ed ho utilizzato la crema Emla.
La sera stessa ho notato gonfiore all'asta del pene e sulla pelle che ricopre il glande. Il giorno successivo il gonfiore era scomparso sull'asta, ma era rimasto in parte sul glande. Tuattavia verso sera ho ricomnciato ad avere anche il bruciore al glande come qualche giorno prima. Adesso sono passati 3 giorni, e ho ancora bruciore e un leggero gonfiore al glande stesso.
Lunedi vado a fare gli esami per l'urocoltura e la spermiocoltura.
La mia paura è quella di aver avuto una reazione alla crema Emla che mi sono messo poco prima del rapporto. E quindi di non poterla più utilizzare in futuro.
Ci sono altre creme anestetizzanti alternative? Che cosa posso fare se davvero l'infezione è dovuta alla crema? Come posso affrontare l'ipersensibilità del mio pene?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,aspettiamo l'esito degli esami batteriologici.Siamo sicuri che la Sua partner non abbia una vaginite?Ci aggiorni in merito.Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 139XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio per la sua celere risposta.
La mia ragazza ha avuto una vaginite circa 4 settimane fa, circa quando io e lei abbiamo avuto un rapporto senza preservativo (lei prende la pillola). Tuttavia i sintomi iniziali di bruciore li ho avuti a distanza di 20 giorni, quindi avevo escluso che potesse essere quello il problema.
Nell'ultimo rapporto (quello in cui poi si è gonfiato il mio pene e sono ricominciati i bruciori) abbiamo usato il preservativo. Quindi non può avermela ripassata.
Secondo lei si tratta di vaginite?
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...per no ingenerare confusioni,aspettiamo li esiti degli esami batteriologici.
Ha cambiato profilattico?Cordialita'.
[#4] dopo  
Utente 139XXX

Iscritto dal 2009
No, il profilattico utilizzato è il solito.
Come da suo consiglio, a questo punto aspetto l'esito degli esami batteriologici. E spero di poter utilizzare ancora in fururo la crema Emla, altrimenti temo di essere nei guai.
Un'ultima domanda, ma importante.
La crema antifungina Lamisil 1% può alterare gli esiti degli esami batteriologici?
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...una crema antimicotica può alterare gli esami batteriologici,così come non é da escludere una allergia all'emla,anche se già usata senza problemi in precedenza.Cordialità.