Utente 148XXX
Buongiorno, 2 anni e 3 mesi fa ho avuto un cesareo per il mio primo bimbo (che son riuscita ad evitare nel secondo parto (naturale), dopo il parto mi ritrovai con ernia ombelicale (già nata in gravidanza ma che attribuivo al semplice ombelico in fuori, in quanto non è grande) e addominali separati che penso vengano chiamati "Diastasi addominale", infatti ho un vero e proprio spazio tra gli addominali (in mezzo).
Ho aspettato il secondo parto per intervenire, ora la mia bimba ha 5 mesi e viene allattata.
Volevo chiedervi qualche info:
-posso fare l'intervento anche se allatto?
-in cosa consiste e quanto dura?
-da chi mi consigliate di recarmi? (ospedale, chirurgo plastico privato)
-è possibile approfittare e intervenire anche sull'eccesso di pelle che è rimasta? L'internento se effettuato in strutture pubbliche ha un costo?
Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Calistri
24% attività
0% attualità
12% socialità
FIRENZE (FI)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Gentile signora,
le ernie della parete addominale spesso si accentuano durante la gravidanza per l'aumento della pressione addominale e per l'effetto degli ormoni gravidici che "ammorbidiscono" i tessuti.

Riguardo alla correzione della sola ernia ombelicale è un intervento relativamente semplice che non comporta una degenza breve e che, se le dimensioni dell'ernia lo consentono, si può effettuare in anestesia locale. Lo può fare anche se allatta ma, visto che si può aspettare (almeno che non si strozzi, evento che nessuno può scongiurare anche a breve) forse è meglio lasciar passare qualche mese per permettere ai tessuti di riprendersi dallo stress gravidico. Nel frattempo lei dimagrirà anche un po' e tutto risulterà più semplice.
Le consiglio pertanto di andare in ospedale, farsi visitare dal un chirurgo e mettersi tranquillamente in lista d'attesa.

Per la correzione della diastasi dei retti, di cui le probabilmente soffre, le cose sono più complesse perchè non si tratta di una vera e propria ernia quanto del cedimento della fascia muscolare e dell'allontanamento dei margini muscolari e richiede un intervento più complesso e dai risultati meno certi.
Personalmente sconsiglio ai miei pazienti l'intervento perchè il rapporto rischi-benefici è svantaggioso.
Comunque nel caso voglia correggere anche la diastasi dei muscoli retti e l'esuberanza cutanea le consiglio di rivolgersi ad un chirurgo plastico.

I migliori saluti.
[#2] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Gentile Utente,
la visone diretta del problema in questi casi è fondamentale per fornire un giudizio attendibile. Pertanto, con i limiti della valutazione a distanza,
a quanto giustamente già suggerito dal Collega mi permetto di aggiungere che, al fine di garantire una riparazione più stabile dell'ernia ombelicale, potrebbe essere indicato affrontare le due condizioni (ernia e diastasi) simultaneamente, anche a costo di un intervento relativamente più invasivo.
La problematica della diastasi dei retti lascia spesso perplessità e orientamenti non univoci, soprattutto quando si presenti in giovani donne nelle quali l'aspetto estetico è giustamente sentito in maniera particolare.
Questa condizione richiede d'altra parte l'estensione della riparazione a una zona più ampia di parete addominale, spesso con impianto di rete protesica, e non può avvalersi efficacemente di metodiche laparoscopiche che certamente offrono notevoli vantaggi sul piano estetico.