Utente 728XXX
Buongiorno.sono un ragazzo di 28 anni .
In data 9 febbraio e' inziiato un fastidio nel lato destro dell addome che includeva dolore all appendice fegato e fiancodestro posteriore.Dopo essere andato dal medico che visitandomi e risocntrando colite e appendicite con la palazione dovuta allo stress( lavoro , morte di un parente recente che mi e' morto davanti agli occhi? mi ha mandatoa casa dicendo chese i dolori fossero aumentati di andare in ps. Dopo 3 giorni la notte dell 11 febbraio non ho chiuso occhio e il mattino mi osno recato al ps dove mi hanno fatto le analisi del sangue e un'ecografia tutto negativo mandandomi a casa ocn una cura di rifacol 2 cp ogni 12 h per 6 gg e zirmos (1 bustina al di)al momento in cui finisco l'antibiotico.dopo 3 gg di rifacol sento ancora del fastidionella parte destraa volte all altezza dell appendice a volte sul pube( premetto che da babino osno stato operato di ernia inguinale destra). non ho altri sintomi a parte feci molli da 2gg 8 forse dovute dall antibiotico. sto mangiando in bianco 8 anche se non so bene cosa evitare e cosa no alcuni siti dicono di evitar ei farinacei altri il pomodoro s emi puo aiutare lei....). secondo lei cosa dovrei fare? conitnuare con la cura che ho e aumentare le dosi o prolungarla? l'ecografia nn ha riscontrato nulla a parete molta aerofagia.
Rimango in attesa di un riscontro.grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Che i dolori al colon possano essere causati da ansia e stress e' cosa comune e ormai assodata. La diagnosi di appendicite per le stesse cause, francamente, e' la prima volta che la sento.
A mio parere deve farsi seguire da qualcuno che sappia aiutarla nel trovare il giusto equilibrio e la dieta piu' corretta, al fine di minimizzare le manifestazioni di quello che sembrerebbe proprio un colon irritabile...
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 728XXX

Iscritto dal 2008
grazie per la risposta dottore. ma seocndo lei il rifacol e' opportuno continuarlo o ripterne i cicli o addirittura aumentarne le dosi? e lo zirmos devo prenderlo dopo o durante la cura anribiotica? il colon irritabile quindi e' una sintiomatologia cronica che non sparira mai giusto?
[#3] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Come lei ben sa non possiamo fare prescrizioni via internet, pertanto queste domande puo' farle soltanto al Medico che ha la possibilita' di visitarla.
Per quanto rigurda il colon irritabile intanto le dico che non e' una vera e propria diagnosi, ma solo un insieme di sintomi che vanno sotto questo nome: probabilmente non c'e' una vera e propria causa, come potrebbe essere, per esempio, per una gastrite; se adotta una buona dieta e fa attenzione ad alcune regole di comportamento potra' ridurre di molto questi segni, fino quasi a non avere piu' i fastidi che ora ci riferisce.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Dr. Stefano Enrico
24% attività
4% attualità
12% socialità
ORBASSANO (TO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Credo sia opportuna una valutazione diretta del quadro, in quanto il dolore riferito può essere "di parete" e non dovuto ad un'affezione dei visceri. E' un'evenienza abbastanza frequente, ma va valutata con un esame obiettivo. Per fortuna, di medici e pazienti, non mi risulta che esista l'appendicite da stress!!!
[#5] dopo  
Utente 728XXX

Iscritto dal 2008
la ringrazio dottor enrico.cosa intende per dolore di parete? premetto che il dolore da quando ho preso i fermenti e' molto diminuito se non sparito( sto continuando la dieta ma cosa mi consiglia? di continuarla)
[#6] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
In attesa di una risposta da parte del Collega, mi consenta di ricordarle che i sintomi riconducibili al Colon Irritabile sono gia' sufficienti per spiegare i suoi disturbi, senza che vi sia apparente necessita' di ricercare (almeno per il momento) altre cause. Se lei non regolarizza la dieta e il suo stile di vita, magari con l'aiuto di un Gastroenterologo come gia' le avevo accennato, non riuscira' nemmeno a comprendere se appunto la "colpa" dei suoi disturbi potra' essere in parte anche di altre patologie finora non ipotizzate.
Cordiali saluti
[#7] dopo  
Dr. Stefano Enrico
24% attività
4% attualità
12% socialità
ORBASSANO (TO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Pienamente d'accordo con il Dr Spina.
LE cause di dolore in fossa iliaca destra sono parecchie, e il quadro va valutato da uno spcialista.