Utente 146XXX
Gentili dottori buongiorno,

sono un ragazzo di 21 anni, a dir poco preoccupato (forse più del dovuto, a causa di una mia generale ipocondria) per la condizione della mia igiene orale.

Premetto che ho grande attenzione per i denti, eseguendo adeguatamente una pulizia con dentifricio/spazzolino e colluttorio (Dentosan), aumentata di recente a seguito dell'estrazione della radice del dente del giudizio (48) circa tre settimane fa (la gengiva si sta "richiudendo" lentamente). Sono in attesa di rimuovere il dente del giudizio inferiore a sinistra.
Ad ogni modo, ciò che mi preoccupa o fa venire dubbi è la condizione delle mie gengive dell'arcata inferiore e dei relativi denti, specialmente degli incisivi.
Questi ultimi sono tenuti saldi da uno splint: il mio dentista, togliendomi l'apparecchio cinque anni fa, volle saldarli a causa di un mio morso profondo che determinava un leggero spostamento e mobilità di questi.

La situazione attuale della mia bocca è questa: l'incisivo centrale destro si presenta "più alto" rispetto agli altri, con alla base un leggero accumulo di tartaro (in attesa di essere rimosso dal mio dentista a breve).
Di recente i canini sono spostati notevolmente, fuoriuscendo dall'arcata e rimanendo "esterni", suppongo per un sovraffollamento: potrebbe essere la spinta del dente del giudizio da rimuovere?

Sarà la mia preoccupazione e ansia, però mi pare che in questo quadro molto confusionario, le gengive degli incisivi leggermente si stiano ritraendo: ripeto, non so se siano solo delle mie banali impressioni, accentuate dal timore sia qualcosa di grave (tipo la malattia parodontale o gengivite), ma non ho mai avuto gonfiore alle gengive, sanguinamenti (se non una volta per caso, in modo lievissimo, a causa di una spazzolata troppo vigorosa), nemmeno dolori o fastidi dovuti a sbalzi di temperature di cibi o bevande!

Può essere che questi movimenti dentali e recessioni gengivali siano dovuti alla mia malocclusione o morso profondo? O potrebbe essere qualcos'altro?

Spero di non avervi disturbato con queste preoccupazioni e domande magari banali, causate da un'ansia a dir poco incontrollabile.

Vi ringrazio anticipatamente!
[#1] dopo  
Dr. Cataldo Palomba
44% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
la recessione gengivale può essere causata non soltanto dalla malattia parodontale, ma anche da una malocclusione appunto, da terapie ortodontiche, da accumulo di tartaro, da errato spazzolamento, da abitudini viziate come l'uso improprio dello stuzzicadenti, ecc..
Cordiali Saluti
[#2] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010

La situazione che le ho descritto è comunque circoscritta solamente agli incisivi inferiori (di cui due con evidente necessità di rimozione del tartaro): si potrebbe quindi escludere un principio di patologia parodontale, visto che non ho mai avuto sintomi riconducibili a siffatta malattia o a gengiviti?

Avverto una leggera mobilità se "sforzo" un pò con le dita (è diventata una fissazione oramai), ma spero almeno di poter imputare buona parte di questa situazione alla malocclusione.

Spero possa comprendere la mia situazione, ormai l'ansia mi porta pure a controllare al "millimetro" la condizione della gengiva!


La ringrazio nuovamente!
[#3] dopo  
Dr. Cataldo Palomba
44% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
non posso escluderlo senza una visita diretta, in questo caso le sarà di aiuto il suo medico.
Cordiali Saluti
[#4] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
Speriamo che il mio dottore scongiuri eventuali problemi gravi!

La ringrazio per l'attenzione e cortesia!