Utente 149XXX
Sono un uomo di 64 anni, affetto da favismo e vasculite leucocitoclastica, prendo ogni giorno il cortisone da quasi 5 anni (5/10 mg).
ogni tanto avverto delle fitte al torace lato sx in corrispondenza del cuore.
mi è stata prescritta una scintigrafia miocardica da sforzo al tallio.
il laboratorio la esegue solo con il metodo MIBI.
c'è differenza tra il due metodi? e può risultare pericoloso nel mio caso?.
grazie della gentile risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile utente, credo che Lei si riferisca al Tecnezio 99mTc-MIBI (MetossiIsoButilIsonitrile).
L'impiego di questo radiofarmaco implica numerosi vantaggi (rispetto al 201Tl, cioè al Tallio) il principale dei quali è la superiore qualità delle immagini, con minori artefatti e senza necessità di iniettare il farmaco entro pochi minuti dal termine della prova da sforzo.
L'unico vero svantaggio è rappresentato dal fatto che se si vuole eseguire l'indagine a riposo e dopo sforzo è necessario praticare due distinte somministrazioni del radiofarmaco al paziente, talvolta in due giorni diversi.
Non credo che le Sue patologie rappresentano controindicazioni assolute all'esecuzione dell'esame, ma Le consiglio comunque di informarne il Medico Nucleare (portando con sè la necessaria documentazione)al momento dell'esecuzione dell'accertamento.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 149XXX

Iscritto dal 2010
grazie della sollecita risposta, farò come Lei mi consiglia di portare i documenti necessari. ancora grazie