Login | Registrati | Recupera password
0/0

Ansia e attacchi i panico dovuti alla cervicale

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente donna
    Iscritto dal
    2009

    Ansia e attacchi i panico dovuti alla cervicale

    Salve, ho 28 anni;
    da circa 1 mese e mezzo, soffro molto di vertigini, debolezza alle braccia, mal di testa, orecchie tappate che amplificano i suoi interni etc, etc...
    Tutti questi simtomi, sono stati associati ad una cervico branchialgia!
    Il problema è che dal quando ho avvertito le prime fortissime vertigini, sono iniziati gli attacchi di panico... una sensazione orrenda, come se stessi per avere un collasso con difficoltà nella respirazione, debolezza delle gambe, vertigini di tale entità da non consentirmi neanche di muovermi etc (riuscire a scrivere tutto ciò che accade è impossibile).
    Dopo un mese e mezzo la situazione non migliora... gli attacchi sono frequenti, si manifestano maggiormente la sera e la mattina solo sporadicamente al pomeriggio.

    Volevo sapere se una volta risolti o alleviati i problemi alla cervicale passeranno anche gli attacchi di panico e l'ansia di avere l'attacco di panico ad ogni mio malessere, oppure dovrò iniziare a curare anche l'ansia?

    E poi, l'ansia e gli attacchi di panico possono provocare la diarrea?
    Pongo questa domanda perchè in tutto questo periodo ogni volta che avverto un minimo peggioramento delle vertigini, ed inizio ad agitarmi vado frequentemente in bagno!
    Questo ha amplificato la paura di avere un grave indebolimento fisico, quindi, il terrore costante di avere collassi, problemi cardiaci, pressione troppo bassa, etc...

    Scusate se le domande non sembrano pertinenti ma, so' di avere anche l'ansia e gli attacchi di panico perchè mia sorella ne soffre da anni. Nonostante, il suo esempio non riesco a tranquillizzarmi e convincermi che i miei sintomi vengono amplificati dall'ansia, più stà passando il tempo più sto' peggiorando...
    Ho paura che quando allevierò i problemi alla cervicale l'ansia e il panico permangano!

    GRAZIE.



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 19 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2009
    Gentile Utente,

    escluse tutte le incidenze di natura organiche sulla condizione lamentata,

    è opportuno contattare un collega per una consulenza psicologica in modo da valutare in maniera approfondita le apparenti problematiche di natura ansiosa ed ipocondriaca.

    In tal sede non è possibile stabilire il permanere dei fenomeni lamentati ma sicuramente la loro risoluzione tramite l'intervento psicologico.

    Non perda tempo.

    Cordiali saluti,




    Dr. Luca Martis - Psicologo
    www.psicologoperte.it
    http://lucamartispsicologoperte.blogspot.com

  3. #3
    Indice di partecipazione al sito: 609 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2003
    Gentile Utente,
    avere gli attacchi di panico è un problema che si complica quando sono presenti sintomi cervicali, poichè determinano quel senso di giramento di testa che terrorizza il soggetto.

    Lei deve trattare entrambi, ovvero sia l'ansia che i problemi cervicali. Inoltre è probabile che uno stato di tensione generale determini anche i sintomi gastrointestinali descritti, ma per esserne certi bisogna approfondire la situazione con il medico.

    Per la Sua ansia le consiglio di associare la psicoterapia cognitivo-comportamentale ad un intervento psicofarmacologico: tale associazione ha dimostrato infatti i migliori risultati in letteratura.

    Le allego anche questi articoli su ansia e panico nella speranza che le possano essere d'aiuto

    http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=42293

    http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=72634


    Cordialmente
    Daniel Bulla
    dbulla@libero.it, Twitter _DanielBulla_

  4. #4
    Utente donna
    Iscritto dal
    2009
    Oggi pomeriggio ho contattato uno psicologo,che mi indirizzerà sul percoso psicoterapeutico da seguire.

    Ho qualche timore per quanto riguarda una terapia farmacologica ma, la paura che rimanga l'ansia è maggiore.

    Vi ringrazio per le risposte.
    Alle volte serve una piccola spinta




  5. #5
    Indice di partecipazione al sito: 609 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2003
    Gentile Utente,
    grazie a Lei di averci scritto, vedrà che le cose miglioreranno.


    Cordialmente
    Daniel Bulla
    dbulla@libero.it, Twitter _DanielBulla_


Discussioni Simili

  1. , entro in panico
    in Psicologia
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 24/02/2010, 11:54
  2. Fobia e panico puro
    in Psicologia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 23/02/2010, 11:15
  3. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 22/02/2010, 19:49
  4. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 26/02/2010, 15:33
  5. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 19/02/2010, 18:29
ultima modifica:  14/04/2014 - 0,19        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896