Utente 149XXX
Salve,
ho 23 anni e da sempre sono insoddisfatta del mio seno(se così può definirsi...) ho deciso di sottopormi ad un intervento di aumento del seno.
Tra l'altro tra 2 settimane ho la vista da un primo chirurgo qui a Bologna.
Io però sono una fifona!
Da sempre ho paura anche solo di un prelievo del sangue...le siringhe mi terrorizzano!! di conseguenza qualsiasi tipo di iniezione preliefo forellino!!
Vorrei sapere in cosa consiste l'anestesia; se quando entrerò in sala operatoria sarò già addormentata(lo spero vivamente); ho sentito parlare di drenaggi...e questo mi spaventa...me li immagino come un tubo collegato tra dentro e fuori!! oddio...ma danno fastidio?? quando si tolgono fa male?? Inoltre la settimama scorsa mia nonna ha avuto un'operazione all'ernia ed è poi stat tenuta in ospedale per una tettimana con un tubo nel naso e una specie di flebo(sembrava più grosso) sulla mano...
Tra l'altro è vero che per un mese almeno no potrò guidare la macchina??
Un'altra domanda è: è possobile che si deformi la protesi?? mi è capitato di vedere sul web foto di donne dello spettacolo con pessimi risultati come "buchi" o scalini antiestetici?

grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Da quanto ho capito si tratta di un intervento che lei sta facendo per migliorare il suo aspetto, ma che non ha una ragione medica in senso stretto. Le ragioni per sopportare le sofferenze che questo intervento inevitabilmente le provochera' deve quindi trovarle nelle motivazioni che la spingono a farlo: "chi bello vuole apparire un poco deve soffrire" dicevano le nostre nonne! Ci saranno quasi certamente piccoli drenaggi, flebo e un po' di dolore, che ovviamente i Colleghi tenderanno a limitare con l'utilizzo di farmaci antidolorifici, ma e' ovvio che un po' di pazienza lei dovra' averla: il fatto che non sia un intervento "salvavita" purtroppo non lo fa diventare una procedura banale!
Cordiali saluti