Utente 149XXX
gentili dottori vi ringrazio sin da ora per le risposte che mi fornirete.ho riportato uan minima infrazione alla base del f2 v dito con sub-lussazione dell'articolazione 1 f con prognopsi di 15 giorni con stecca,
dopo che mi era stata rimossa il mio dito sembrava stare bene anche le radiografie lo confermavano,ma il dito quando veniva esteso rimaneva sui 90 gradi allora mi hanno prescritto 15 giorni di fisiotereapia anche li mi rasicuravano dicendomi che con un po di impegno sarebbeb tornato come prima ma nulla.
ora dopo un 6/7 mesi dall'accaduto medico mi ha detto che sicuramente è lesionato o rotto un tendine ... quindi vi chiedo sono ancora in tempo per riuscire a riaquistare la funzionalita del mio dito e quanto puo costare un operazione del genere?
vi ringrazio ancora aspetto una vostra risposta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Premesso che non è possibile esprimere un parere senza vedere nè il dito nè le rx, è possibile che quella che Lei chiama "minima infrazione" sia in realtà un distacco del tendine dalla sua inserzione sulla falange. Tale patologia ben nota a qualsiasi ortopedico richiede una immobilizzazione immediata per 50 giorni in estensione per consentire al frammento (e quindi al tendine) di riattaccarsi. A stecca rimossa, visto che aveva una falange a 90°, avrebbe fatto meglio a rivolgersi a un ortopedico per sapere cosa fare, piuttosto che fare fisioterapia, confidando che "sarebbe tornato come prima" con un po' di impegno.
Nelle lesioni inveterate, in linea di massima, è possibile fare un intervento di plastica tendinea che consiste nell'asportare il tessuto cicatriziale e nel riattaccare il tendine all'osso; ovviamente questo comporta di ricominciare da capo (immobilizzazione per 2 mesi, riabilitazione, ecc). Per decidere se è possibile fare un intervento occorre comunque la valutazione diretta del dito per capire anche qual è lo stato dei tessuti capsulari e dell'articolazione stessa.
Sul costo, se si riferisce a un intervento in libera professione, lo deve chiedere al Chirurgo, perché lo stabilisce lui; ma visto che esiste il Servizio Sanitario Nazionale penso che Le convenga rivolgersi a un Centro di Chirurgia della Mano, ad esempio alla Clinica di Chirurgia Plastica di Bari (che è Centro di riferimento regionale per la chirurgia della mano) oppure all'Ortopedia del Miulli, oppure all'UO di Ortopedia dell'Umberto I.
Cordiali saluti