Utente 145XXX
La mia ragazza(25 anni,nessun problema di salute,coporatura nella norma,ed esami del sangue senza irregolarità) ha una tosse persistente dal novembre 2009.
Gli eccesi di tosse sono violenti e grassi (con espetorazione di materiale senza presenza di sangue)
e si manifesta di notte o di prima mattina per alcune decine di secondi
per poi non manifestarsi più per alcune ore o per 1 o 2 giorni di fila.
Secondo lei è stata a causa di una cura medica errate,prestatale all'età di 6 mesi,con antibiotici,ma la cosa non sembra sicura.Non ha eseguito altri consulti medici o altri esami per approfondire e capire da cosa dipendesse realmente la tosse.
Fino al novembre del 2009 la situazione era comunque non fastidiosa e questi eventi si presentavano raramente,con una
cadenza temporale(fra un'eccesso di tosse e l'altro) di settimane.
Ora la candenza temporale si è ridotta e la tosse si è fatta più violenta.
Quali rimedi possono essere utili o quali esami dovrebbe eseguire per poter eliminare olmeno capire di che problema si tratta?
Ringrazio anticipatamente per l'aiuto.
[#1] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
8% attualità
20% socialità
ABBADIA SAN SALVATORE (SI)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile utente, sarà difficile poter eradicare questa convinzione della sua ragazza a proposito della errata cura medica all'età di sei mesi! Però stia sicuro, per chi è del mestiere, che questa ipotesi fa storcere il naso non poco. Probabilmente quello che si può pensare da qui è che la sua ragazza tuttosommato sia tra quelle persone da inquadrare nell'ambito di patologie respiratorie croniche (bronchitici cronici). Certo che non aver fatto mai indagini specifiche in merito, consulti con un internista pneumologo, prove di funzionalità respiratoria, prove allergiche ecc., non può certo confermare quello che è solo un sospetto... e che qui non può trovare certo conferma. Non sappiamo, in quanto non lo indica, se la sua ragazza fuma, ha problemi d allergia. Certo è che il ridursi dei periodi di benessere impongono un corretto inquadramento specialistico diagnstico al più presto nell'eventualità che il frequente riacutizzarsi di una patologia infiammatoria respiratoria cronica possa compromettere irreparabilmente nell'età adulta la buona funzionalità del parenchima polmonare.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio per la risposta.Non fuma ma non so di preciso se ha allergie visto che non ha mai eseguito test per valutare la presenza di possibili allergie.
Purtroppo la mia ragazza sottovaluta sempre la salute e la prevenzione.
Cercherò di convincerla ad effettuare una visita specialistica e sono sicuro che,dopo aver letto la sua risposta,sarà meno propensa a rimandare...
La ringrazio ancora.