Utente 150XXX
salve, sono un ragazzo di 23 anni,175 cm per 69 kg di peso.
premetto che sono in buone condizioni di salute e le ultime analisi del sangue non hanno riscontrato niente di anomalo.
Mi sarei veramente preoccupato se fosse una cosa continua ma, comunque, anche in queste condizioni sta iniziando a diventare pesante.
Ho un problema, nell'ultimo anno ho difficoltà di erezione, non continue, ma che nel 20% dei casi non mi permettono di avere un rapporto sessuale.Mi spiego meglio: questo problema consiste in un erezione che cala subito o in una erezione abbastanza debole, spesso capita anche che dopo l'atto ho un erezione costante che cala improvvisamente dopo la penetrazione.
Le prime volte ho pensato che fosse un problema psicologico(lo studio e il lavoro costanti)per questo ho deciso di prendermi un periodo di pausa...dopo essermi rilassato pensavo che il problema fosse risolto, ma dopo un po di tempo si è ripresentato.
più vado avanti e più per me diventa difficile non pensarci, e,a maggior ragione il mio pene non ha un erezione soddisfacente(almeno per me, perchè si ,mi consente la penetrazione ma una volta all'interno smette di essere rigido).
anche la mattina non ho più le erezioni o almeno,quando ci sono, non sono forti.
comuque all'aspetto esterione si notano molto le vene,e risulta leggermente ricurvo verso la mia sinistra.
penso che il mio problema sia il fatto che non riesco più ad eccitarmi come poco tempo fa, magari anche perchè sto sempre a pensare che possa fare brutte figure.
cosa posso fare? spero che non sia impotenza a questa età perchè mi distruggerebbe.
per qualsiasi domanda vi risponderò.
grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,la disfunzione erettile non e' un malattia e,comunque,in mani esperte,e' risolvibile in tempi anche relativamente brevi.Non e' corretto discriminare tra forma organica e forma psicogena in quanto,a mio avviso,
va considerata mista.Una rigorosa diagnosi andrologica e',a questo punto,ineludibile,onde evitare errori metodologici ed inutili e dannose banalizzazioni diagnostico terapeutiche.Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 150XXX

Iscritto dal 2010
Grazie, ho già fatto un'analisi preliminare dal medico di fiducia che mi ha invitato a procedere ad una visita andrologica.
A primo impatto mi è stato consigliato di rilassarmi e di evitare di focalizzare troppo i miei pensieri sulla prestazione sessuale,indi di godermi il momento... comunque vi comunicherò quanto mi verrà detto dalla visita specialistica, potrebbe servire anche ad altre persone col mio stesso problema
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...attendiamo aggiornamenti.Cordialita'.
[#4] dopo  
Utente 150XXX

Iscritto dal 2010
Salve, ebbene si il problema era l'ansia...perchè a parer del medico, cercavo di dimostrare sempre più alla mia ragazza peerdendo di vista il piacere del fare l'amore.
Le cause, secondo lui, possono essere ricollegate al fatto che sono sotto pressione tutto il giorno, tra lavoro e università, e quando arriva il momento del relax continuo a sentirmi sotto esame(in effetti a volte mi basta una parola sbagliata della mia ragazza per rovinarmi la giornata).
Durante la visita mi è stato fatto un'esempio molto utile: usare il pene è il contrario della vita, più ti impegni e meno risultati ottieni.
Scherzi a parte, la visita è andata bene, fisicamente sono apposto, sono tornato in forma e tutto evitando di pensare troppo.
grazie anche lei dr.Izzo