Utente 150XXX
HO 37 ANNI E NEL 2007 A CAUSA DI UN RICOVERO PER
STEATOEPATITE SEVERA HO EFFETTUATO UNA TAC ADDOME
DOVE PER CASO HO SCOPERTO DI AVERE IL RENE DX "GRINZO"
A CAUSA DI UNA PIELONEFRITE CRONICA.
A CAUSA DI FORTI DOLORI LOMBARI QUEST'ANNO HO EFFETTUATO
UNA ECOGRAFIA RENALE CON QUESTO ESITO:
RENE DX IN SEDE DI DIMENSIONI RIDOTTE RISPETTO AL CONTROLATERALE
(DL CIRCA 91MM).LA CORTICALE, DI ECOGENICITA' AUMENTATA, APPARE
ASSOTTIGLIATA AL POLO SUPERIORE, DOVE SI RILEVA ANCHE DILATAZIONE
DEI CALICI SECONDARI. RENE SX DI DIMENSIONE NEI LIMITI (DL 105MM) NORMALE PER
MORFOLOGIA ED ECOSTRUTTURA. BILATERALMENTE NON CALCOLI NON SEGNI DI UROPATIA
USTRUTTIVA. IT PARENCHIMALI A DX 0.61 A SX 0.51. VESCICA SEMIVUOTA, CON
JETS URETERALE IPOVALIDO A DX.
IL DOTTORE DICE CHE NON C'E' NIENTE DI RILEVANTE CHE POSSA FAR PENSARE
AI DOLORI CHE IO LAMENTO (FORTE DOLORE DI SCHIENA E DOLORE CHE DALLA
REGIONE SOVRAPUBICA SI IRRADIA VERSO IL RENE DX DURANTE LA MINZIONE)
COSA NE PENSA DOTTORE? MI DIA UN SUO PARERE..
PRECISO INOLTRE CHE DA ESAMI PRECEDENTEMENTE FATTI (CISTOGRAFIA MINZIONALE)
E' STATO ESCLUSO REFLUSSO.
SALUTI
[#1] dopo  
Dr. Filippo Mangione
28% attività
4% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Gentile Signora,

è difficile darle un parere circa la genesi del dolore senza una visita e un'interrogazione diretta. Leggendo quanto scrive, tenderei a concordare col suo medico.

Piuttosto sono altri aspetti a lasciare dubbi. La stessa diagnosi di pielonefrite cronica deve essere sostanziata dall'anamnesi, dalla diretta visione degli esami strumentali, dai dati batteriologici.
Anche la cistografia minzionale andrebbe valutata per bene (è un esame meno banale di quanto comunemente si creda, sia da eseguire che da interpretare).

Nel complesso le consiglierei comunque una visita specialistica nefrologica per definire meglio il quadro di "rene grinzo".

Cordialità
[#2] dopo  
Utente 150XXX

Iscritto dal 2010
LA RINGRAZIO PER LA RISPOSTA
MA LE DICO CON FRANCHEZZA CHE HO FATTO DIVERSE
VISITE SPECIALISTICHE SIA DA UROLOGI CHE DA NEFROLOGI
PER DEFINIRE MEGLIO IL QUADRO DI RENE GRINZO MA TUTTI
SONO STATI SEMPRE MOLTO EVASIVI DICENDOMI CHE FORSE
ERA UNA COSA CHE MI ERA VENUTA DA PICCOLA E ORA NON
CI SI PUO' FARE PIU' NIENTE.
PRECISO INOLTRE A PROPOSITO DI INFEZIONI URINARIE
CHE HO AVUTO ULTIMAMENTE UNA INFEZIONE DA PROTEUS
E UNA DA KLEBSIELLA TUTTE E DUE MANDATE VIA CON
ANTIBIOTICI. ORA STO FACENDO UNA TERAPIA CON COLAFANGINA
CHE PER IL MOMENTO FUNZIONA.
TUTTAVI IL MIEI DOLORI PERSISTONO E NON SO CHE FARE
SALUTI