Utente 347XXX
Buongiorno ed innanzitutto complimenti per l'encomiabile servizio che prestate. Sono un 30enne, il mio problema è dovuto ad una esuberanza prepuziale. La pelle del prepuzio infatti, a mio giudizio troppo lunga, in fase di erezione e durante il rapporto sessuale tende a ricoprire parte del glande con la conseguente perdita di erezione. Inoltre soltanto con una erezione esagerata il glande si scopre da solo, ed in condizioni "normali" devo scoprirlo manualmente. Il tutto in assenza di dolori, bruciori o quant'altro.
Questa condizione sta provocando soprattutto dei problemi nel rapporto, poichè mia moglie imputa la perdita di erezione ad una perdita di desiderio nei suoi confronti.

Dimenticavo di aggiungere che, circa 7 anni fa ho subito la rottura del frenulo. La pelle però è ancora attaccata da un collegamento tipo "un secondo frenulo" che però non mi impedisce di scoprire con facilità il glande.

Ringrazio in anticipo per il consulto e buon Lavoro.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,non credo che un' "esuberanza prepuziale" possa essere la causa di una disfunzione erettile,peraltro sopraggiunta in tempi successivi.Il quadro anatomico potrebbe essere caratteristico di una ipospadia,posizionamento del meato uretrale in sede inferiore del glande,che,anch'essa, di per sé non favorisce necessariamente la sintomatlogia sessuale descritta.Credo,quindi che sia necessaria una visita specialistica andrologica per chiarire i dubbi e ripristinare la "erezione esagerata" che solo sporadicamente avviene,con le ansie relative sull'equilibrio di coppia.
Cordiali saluti
Dr. Pierluigi Izzo
[#2] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
occorre distinguere gli esiti di una lacerazione spontanea del frenulo, non sottoposta a trattamento, da quello che spesso viene etichettato come "prepuzio esuberante". Questo particolare stato della cute prepuziale in genere non merita un provvedimento terapeutico chirurgico, a meno di esagerazioni in grado di rendere difficoltosa l'erezione o la doverosa gratificazione del rapporto sessuale. Tuttavia su un punto posso rassicurarLa: il mecacnismo dell'erezione non viene mai compromesso nei casi come quello che descrive.
Non credo proprio che Lei sia affetto da ipospadia. Ma certamente una visita Specialistica potrebbe facilmente dissispare ogni Suo dubbio.
Affettuosi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Concordo pienamente con il Prof Martino ed il Dott. Izzo.
Saluti
Dott. LAINO
[#4] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Non esiste una correlazione tra l'erezione e la sovrabbondanza del prepuzio, tutto al più ciò che può variare e la sensazione del piacere dovuta appunto a ciò che riferisce, ovvero al fatto che il prepuzio ricopra anche durante la penetrazione tutto il glande impedendo dunque un contatto diretto tra le due mucose genitali maschile e femminile.
Sarà poi una sua scelta un eventuale trattamento chirurgico.
Cordiali saluti,
dott Daniele Masala.
[#5] dopo  
Dr. Sergio Longhi
24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2005
Gentile utente, concordo con i colleghi sul fatto che i disturbi da lei lamentati al prepuzzio possano essere la causa di una deficit erettile. Piuttosto essi possono rappresenatre motivo di preoccupazione durante l'atto sessuale e di conseguenza innescare una perdita di rigidità. Concordo con il collega Martino sul fatto della improbabiltà della ipospadia e ritengo che la rottura traumatica del frenulo sia stata il sintomo di un frenulo breve la cui relazione sui disturbi da lei attualmente lamentati, potrà essere facilmente identificata da una visita specialistica.