Utente 150XXX
Buongiorno,

un paio d'anni fa (molto probabilmente a seguito di uno spazzolamento sbagliato per due settimane) ho avuto un abbassamento della gengiva in corrispondenza di uno degli incisivi inferiori. Da allora diversi dentisti mi hanno consigliato diversamente: chi mi ha suggerito di programmare subito un innesto gengivale per ricoprire la parte scoperta e non perdere il dente, chi invece mi ha suggerito di fare l'innesto solamente nel caso di aumentata sensibilità a caldo/freddo o di ulteriore abbassamento della gengiva. Ora, io e il mio compagno stiamo pensando ad una gravidanza, e vorrei sapere come comportarmi riguardo a questo problema dal momento che in gravidanza i problemi alle gengive sembrano essere più frequenti, e avrei potenzialmente il tempo di programmare l'innesto.

Grazie molte

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Cataldo Palomba
44% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
è importante un controllo odontostomatologico prima di iniziare una gravidanza per scongiurare eventuali emergenze durante la gestazione, cioè ascessi, pulpiti, ecc., quindi curare carie,granulomi, eliminare radici necrotiche.
Il consiglio è rimandare interventi di questo tipo qualche mese dopo il parto: le variazioni ormonali della gravidanza influiscono sulla salute gengivale e precauzione importante è una corretta e costante igiene orale domiciliare.
Cordiali Saluti
[#2] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Prima considerazione:
NON SI ABBASSA UNA GENGIVA per uno spazzolamento errato per due settimane.

Seconda considerazione:
L'innesto gengivale NON SERVE PER NON PERDERE IL DENTE!!!!
Serve invece per rendere più resistente la gengiva.
Il dente è tenuto dall'osso, non dalla gengiva.

Terza considerazione:
Per una salute orale è meglio una gengiva ritirata, ma distante dall'osso sottostante 2-3 mm, piuttosto di una gengiva "al posto giusto" con l'osso distante 7-8 mm.

(Sto semplificando i concetti per renderli chiari, forse anche troppo, mi perdonino i colleghi)

Conclusione:
Se non c'è gengivite, cioè infiammazione della gengiva, oppure sensibilità accentuata del dente, non ha bisogno di nessun trattamento, né prima né dopo la gravidanza, né, probabilmente, mai.

Il di Cataldo Palomba le ha dato comunque un suggerimento d'oro.
Potrebbero esserci delle problematiche orali nella bocca non conosciute, ed è meglio affrontarle prima di una gravidanza.

Ha qualche elemento in più, penso, per saper scegliere un dentista che pensa alla sua salute orale e non alla parcella che potrà ricevere.
[#3] dopo  
Utente 150XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per le utilissime risposte.

Le mie gengive erano probabilmente in qualche modo "predisposte" a questo abbassamento, infatti anni fa ho subìto un piccolo intervento chirurgico per tagliare un frenulo che "tirava verso il basso" (perdonatemi, ma non conosco i termini tecnici :)).
In questo periodo ho fatto dei controlli e sto attualmente sistemando delle piccole carie.
Chiederò ulteriori informazioni al mio dentista al prossimo appuntamento.

Vi ringrazio ancora
[#4] dopo  
Dr. Pierluca Bellavia
24% attività
0% attualità
4% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2010
esiste una banda di gengiva rosa a buccia di arancia che circonda il dente ed e' aderente all'osso sottostante ,esiste una mucosa mobile piu' rossa che segue i movimenti dei muscoli facciali, se abbiamo perso la gengiva aderente piu' velocemente perderemo supporto osseo attorno al dente .se esistono queste condizioni si esegue innesto connettivo per proteggere osso sottostante e residuo(se ce una recessione ne abbiamo gia' perso un po')che deve sostenere l'elemento dentario .si affidi a uno specialista in parodontologia che le sapra' dare tutte le spiegazioni cordiali saluti