Utente 225XXX
spett.le doottori: mi chiamo giuseppe e ho un tarlo che mi perseguita: premetto che soffro di ansia ed attacchi di panico che riesco a controllare con una o due pasticche di lexotan da 1,5 giornaliere, ho fatto in precedenza vari esami ciclometro, finito con esaurimento muscolare, ecocardiogramma negativo, holter con extrasistole sopraventricolari, che mi passano dopo aver preso il lexotan, diciamo che adesso sto bene, per motivi di lavoro legge 626 debbo eseguire la visita con nanalisi ogni 6 mesi ed avendo effettuato il prelievo ho chiesto al medico di approfondire di piu'. i valori riscontrati sono colesterolo 221, trigliceridi 287, colesterolo hdl 32, colesterolo ldl 131.6,cpk 72,ldh 265. premetto che ho 40 anni e sono molto grasso avendo un'altezza di mt 1,68 e peso a nudo di 100kg. cortesemente vorrei sapere se sono a rischio di infarto e se devo fare altre ricerche. in attesa distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Marco Marilungo
24% attività
0% attualità
8% socialità
APRILIA (LT)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2002
Salve Giuseppe.
Dai valori emersi dall'analisi dei valori biochimici del tuo sangue emerge che forse, dico forse, dal punto di vista alimentare non hai un comportamento corretto.
Per contro, tutte le indagini strumentali e cliniche riguardanti la salute del tuo cuore sono confortanti per te.
Tu sostieni di essere ansioso (assumi il lexotan), di soffrire di attacchi di panico, di avere un tarlo.
Probabilmente è arrivato il momento di cambiare il tuo stile di vita, lo stile riguardante l'alimentazione e non solo.
Chiedi se sei a rischio di infarto. Prova a farti la stessa domanda e a risponderti.
Ti rilancio e ti riformulo la tua richiesta per aiutarti a fare chiarezza sull'obiettivo che vuoi raggiungere.
E se non fosse il cardiologo, o almeno non solo il cardiologo, la figura professionale alla quale chiedi aiuto?
Ti invito a riflettere. E ti invito a ricontattarci, se vuoi.

Cordialmente
Marco Marilungo