Utente 150XXX
Salve,

Mercoledì 3 Marzo ho fatto un intervento al pene. Avevo il frenulo breve e mi hanno fatto la frenuloplastica.
Il chirurgo che mi ha operato mi ha detto di scappellare, delicamente, il pene ogni giorno sin dal giorno successivo, mentre il medico che effettuava il giro visite, prima di andare mi ha consigliato di usare un normale sapone intimo ma particolarmente delicato, e di lavare il pene già due giorni dopo l'intervento.

Ho inoltre preso antibiotici fino a Sabato sera.

Le preoccupazioni sono diverse.

Per prima cosa c'è una piccolissima bollicina viola/nero sopra il frenulo, poco dopo l'orefizio uretrale. Non ho la minima idea di cosa sia, ma sta ingiallendo. Questa bollicina era presente immediatamente dopo l'operazione. Comunque non esce pus. Vorrei comunque capire cosa potrebbe essere.

Il secondo problema è che ancora adesso, ogni tanto, perdo un po' di sangue dalle cuciture dei punti.
Il sangue lo noto quando scappello e mi lavo. Anzi proprio quando scappello, per lavarmi, due volte al giorno come consigliatomi, mi fa male.

Il primo giorno avevo dolore sempre, fitte, specie la notte quando avevo erezioni involontarie: ora ho dolore solo quando mi scappello, sempre raramente e delicatamente.
Ho notato che sta diventando doloroso scoprire il glande, anche se riesco perfettamente.

Forse c'è stata qualche incomprensione e non devo scappellarmi?
Ma come posso lavarmi?

Ho notato inoltre che il pene emana un odore piuttosto forte ed insolito. Questo odore forte non c'era prima dell'operazione, si sta manifestando solo adesso che mi sono operato.
Probabilmente è normale, ma meglio essere sicuri.

Infine, quando mi scappello, il pene mi sembra un pochino ricurvo. Ho il terrore che l'operazione sia andata male e che il frenulo non sia stato adeguatamente allungato. O soprattutto che avendo io sbagliato qualcosa nel decorso post-operatorio abbia rovinato tutto.

Ovviamente ho cessato qualsiasi attività sessuale, compresa la masturbazione, e non ho intenzione di riprenderla da qui a guarigione totale e perfetta. Sarebbe comunque impossibile, perché farebbe male.

Purtroppo non posso rivolgermi al medico che mi ha operato, poiché opera in una struttura pubblica che è anche lontana da casa mia. Spero allora di aver indicato abbastanza dettagli in modo da poter ricevere qualche consiglio.

Vi ringrazio anticipatamente per la pazienza ed una eventuale risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il decorso post operatorio mi sembra proseguire secondo normalita'.Non mi allarmerei e seguirei i consigli avuti dal chirurgo operatore.
L'intervento subito non puo' dar luogo ad incurvamenti dell'asse ed il dolore in erezione,al momento di evaginare il prepuzio sul glande,e,al momento
normale.Ci aggiorni,se vuole,dopo il controllo previsto.Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 150XXX

Iscritto dal 2010
Buonasera,

è passato diverso tempo dall'operazione. Innanzitutto volevo ringraziarla per la risposta.

L'operazione è andata a buon fine e il pene sta benissimo.

Ci tenevo a specificarlo perché il problema mi era noto da anni, e ho rimandato davvero per molto tempo l'operazione.
Ho fatto male, perché ora mi sento molto più a mio agio nell'usare il pene, ed è tutto molto meglio.

Questo è quanto, grazie ancora per l'aiuto.