Utente 349XXX
salve, mi chiamo luca e ho 20 anni. Premetto che per me il freddo non è mai esistito ( a praga con -15 gradi giravo con una maglietta e una giacca di pelle aperta) mentre ho sempre sofferto il caldo tanto che se mi ammalo, di sicuro mi ammalo in estate. D'inverno quindi non ho problemi e giro tranquillamente in maglietta mentre appena arriva il caldo per me è la fine. In particolar modo soffro di una eccessiva sudorazione a livello della faccia (fronte). Diciamo che vedo anche gli altri soffrire per il caldo (ad esempio il sabato sera in discoteca se se è in molti) ma solo io sudo visibilmente. Questa sudorazione, che comunque varia da circostanza a circostanza, rappresenta in particolar modo un problema dal punto di vista dei rapporti sociali. Ho già valutato l'aspetto psicologico e ci sto lavorando. Tuttavia quest'ultimo può rappresentare al massimo un aggravante in alcune circostanze e in ogni caso non è la causa principale. Gradirei molto un vostro parere. Grazie mille per un eventuale risposta.
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Genitle luca,

per sua conoscenza sappia che i fini meccanismi regolatori della sudorazione corporea, rispondono a divesi stimoli fisiologici e talvolta anche patologici.

nel suo caso specifico, escludendo aprioristicamente (ma in termini assolutamente no nvincolanti vista le sede telematica) connessioni patologiche, potremmo orientarci verso una teoria diagnostica di iperidrosi essenziale.

tale situazione è ben connessa, come sanno bene i pazienti che ne soffrono con le situazioni stressogene-sociali: la sua presenza e/o il suo peggioramento quindi è di solito interconnesso con situazioni di stress psicologico, a volte anche impercettibili.

tutto questo a causa di un legame stretto fra un NEUROMEDIATORE (una sostanza prodotta soprattutto nel sistema nervoso centrale) chiamato ACETILCOLINA e dei recettori specifici su alcune ghiandole del nostro sottocute denominate SUDORIPARE ECCRINE (esistono anche quelle sudoripare apocrine).

il messaggio lanciato dal cervello viene trasmesso dall'acetilcolina a queste ghiandole che contribuiscono a termoregolare il nostro corpo e, la sudorazione inizia.

le zone maggiormente colpite da questa eccessiva sudorazione sono per lo più i CAVI ASCELLARI le regioni PALMO-PLANTARI ed il viso.

Ad oggi per le prime due zone (ascelle mani e piedi) esite una terapia innovativa capace di bloccare per diversi mesi la connessione acetilcolina-ghiandola che si chiama TOSSINA BOTULINICA, il cui impiego, (effettuato da personale medico specialistico quindi in mani esperte) è sicuro ed estremamente efficace.

Tale prodotto detiene un altissimo profilo di sicurezza ed è tutelato ed accettato (per le zone ascellari e palmo plantari) dal Ministero della Salute.

per gli altri tipi di iperidrosi (compreso il viso) le consiglio pertanto una determinazione con il suo dermatologo di fiducia al fine di valutare una serie di parametri e di connessioni (anche con produzione di altre sostanze oleose : oily skin..) e di scegliere dopo un accurato screening diagnostico le migliori terapie, se necessario anche sistemiche per migliorare il suo stato.

Cari Saluti.
Dott. Luigi LAINO
Dermatologo e Venereologo, ROMA