Utente 151XXX
Gentili Medici, ho 32 anni e soffro di disfunzione erettile da circa 2,5. Il problema è sorto in seguito ad un periodo di sconsideratezze (uso/abuso di sostanze stupefacenti, soprattutto cocaina)durante il quale usavo cialis e viagra per riuscire ad ottenere un'erezione anche sotto effetto della succitata. Il primo periodo, dopo la disintossicazione, è andato benissimo senza l'uso di farmaci. Poi pian piano ho incominciato a fare cilecca. Ne ho parlato con mio padre (urologo) il quale non sapeva a quei tempi che avevo passato un periodaccio in quanto viviamo molto lontani e non abbiamo un gran rapporto relazionale, che mi ha procurato dei campioni di cialis e affini additando la causa a stress. Da allora le cose non sono andate che sempre peggio, i farmaci ormai non hanno più l'effetto dei primi tempi. Il mio pene non raggiunge più la durezza e l'erezione di un tempo anche con dosi massicce di farmaci che mi fanno stare solo male. Ultimamente lo stento freddo, soprattutto sulla punta. Lo scorso anno ho fatto delle analisi: testosterone esterificato 4 ng/ml Testosterone:8,25 ng/ml Psa:1,24 ng/ml, sia il mio medico che mio padre mi hanno detto che stanno nella norma, ma i problemi restano e di certo i fallimenti non tirano su! Ho bisogno d'aiuto anche perchè questa cosa monopolizza i miei pensieri e non mi fa vivere la vita in maniera tranquilla. Io vivo a Roma e vorrei un consulto con uno specialista che possa aiutarmi in maniera concreta, sia esso un andrologo, endocrinologo o altro specialista. Magari prima farò delle altre analisi, magari sotto vostro consiglio. Cortesemente ringrazio.
[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
caro signore,
le sconsideratezze tali restano se abbandonate e nulla più, spesso capita che tali sconsideratezze possano provocare mediante meccanismi psicologici problemi erettili, ma bisogna valutare anchre aspetti ciorcolatori e oprostaicici, gli ormoni suoi sembrano ok. A livello privato a roma consoco personalemnete il dr. Diego Pozza, a livello pubblifco il dipartimento di urologia Ulrico Bracci della Sapienza.