Utente 151XXX
Buongiorno,sono una ragazza di 30a e ho un figlio di 3a, ho un ipotiroidismo primitivo da tiroidite autoimmune da circa 10a compensato,ho sempre sofferto di palpitazioni, ma negli ultimi 3a sono diventati più frequenti e si associano ad episodi di mancamento.ho effettuato allora un holter 24 ore, dal quale sono risultate:rare exstrasistoli ventricolari(7) di 2 morfologie, singole ed una salva di 5 battiti,rare extrasistoli sopraventricolari(8) singole, assenza di modificazioni transitorie di tipo patologico a carico del tratto S-T/T,ho effettuato anche un ecocardiocolordoppler dal quale risulta:bulbo aortico di 32mm, atri sin.di 34 mm, ventr.sin.diam.telediast.43mm setto interventr.10mmm, camere cardiache di normale morfovolumeria, atrio sin. non dilatato, spessori parietali nei limiti,cinesi ventr.sin. nella norma FE 62%.Aseenza di rigurgito aortico, rapporto E/A normale.minima insufficienza mitralica protosistolica, lieve insufficienza tricuspidalica con stima di PSAP 24mmHg. il cardiologo mi ha consigliato polase 1 cp per 2. a distanza di 2 settimane sono finita in PS per dolore al petto e palpitazioni e mancamento, lì mi hanno effettuato ecg: tachicardia sin.,esami del sangue:troponina 0,030 ng/ml, na 142, k 3,90 , cl 107 , calcio 9,01 ast/got 17, alt/gpt 17, LDH 211(L), CK 57, CK-MB 14 U/l, %CK MB 25 (H)%, dimettendomi con Sindrome da prolasso della mitrale, prescrizioni: metoprololo 100 mg 1/2 cp ore 8. scusandomi per la lunghezza della descrizione della mia situazione, vorrei sapere è il caso di iniziare una terapia con betabloccante?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
la scelta di una terapia farmacologica con b-bloccante, nel suo caso, si basa essenzialmente sul fatto che lei "avverte" le sue palpitazioni in maniera così violenta, devo presumere, che per donarle una certa tranquillità le è stata indicata tale opzione terapeutica. Infatti, in base al suo Holter e all'esame ecocardiografico, non vi è una reale necessità di una terapia farmacologica. Chieda delucidazioni anche al curante.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 151XXX

Iscritto dal 2010
grazie per la sua immediata risposta, certamente farò come mi ha consigliato.