Utente 151XXX
Gent.mi dottori,
2 anni fa, a 31 anni, mi sono sottoposto a visita andrologica per via di dolori ai testicoli. L'andrologo ha riscontrato varicocele sin. III grado e des. I grado. Tutto il resto (dim. testicoli,epididimi, etc.) normale. Ho quindi effettuato uno spermiogramma, con questo esito:

Vol: 3ml
Cons,visc norm.
Fluid:compl.
Num. nemasp.:65000000/ml

Motilità 1h
Tipo a(vivace,progr.):15%
Tipo b(lenta,progr.):25%
Tipo c:35%
Imm:30%

Dopo 2h:
a:10%
b:20%
c:20%
Imm:50%
Sperm. tipici:65%
atipici:35%

L'andrologo mi ha detto che l'astenospermia non era grave (da sola, non avrebbe causato infertilità), ma che era meglio intervenire sul varicocele, per i dolori.

Ho lasciato passare un po' di tempo (i dolori non erano proprio invalidanti), e mi sono sottoposto a radiologia interventistica nel dicembre 2009. Ma l'intervento non ha avuto buon esito, per un'anomala tortuosità delle vene renali.

Prima di rivolgermi alla chirurgia "classica", ho ripercorso l'iter diagnostico. Nel febbraio 2010, ho dunque eseguito una spermiocultura (negativa), e lo spermiogramma, con questo esito:

Vol: 3ml
Cons,visc:norm.
Fluid.:compl.
Num. nemaspermi:51000000/ml
Motilità 1h:
a:10%
b:20%
c:15%
Imm:55%
Dopo 2h:
a:5%
b:15%
c:10%
Imm:70%
Sperm.tipici:30%
atipici:70%

Preso atto del peggioramento, l'andrologo mi ha detto che, comunque, dall'indagine ecografica il varicocele risulta inalterato, che il mio sperma non è da buttare via, e che un intervento può migliorare il quadro. In attesa dell'intervento, avendo cominciato a tentare il concepimento, ha ordinato una cura di bioarginina e fertiplus (con speranza di miglioramento dopo 3 mesi).

Sono stato allora visitato dal chirurgo che mi ha sconsigliato l'intervento. Infatti, a suo avviso:
1)il mio varicocele è troppo modesto per giustificare l'ultimo spermiogramma. Dopo eco-color doppler, il chirurgo (coadiuvato da un collega radiologo) pensa che il mio varicocele potrebbe al più essere classificato come II grado.
2)il peggioramento nell'ultimo spermiogramma è forse dovuto alle radiazioni subite nell'intervento (durato 1h30min, di cui 1h sotto radiazioni, per i ripetuti tentativi di raggiungere la vena incriminata).

Ho allora deciso di rifare lo spermiogramma e mettere in contatto andrologo e chirurgo (come consigliatomi da quest'ultimo, che gradirebbe un confronto col collega). Rifarò lo spermiogramma a breve, oltre 3 mesi dopo l'esposizione a radiazioni. Nel frattempo, mi piacerebbe avere un vostro parere:
1)in assenza di altri problemi, la mia astenospermia è preoccupante a fini di un concepimento? 4 mesi di tentativi, ma ancora niente!
2)può un varicocele di II grado portare ad una seria astenospermia?
3)è possibile che le radiazioni abbiano temporaneamente alterato la spermatogenesi tanto marcatamente?
4)se così fosse, un concepimento ottenuto adesso potrebbe essere rishioso per il feto?

Nell'attesa di una vostra risposta,vi porgo i miei più cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro utente in relatà accertato che lei ha un varicocele, anche se è un pò ai limiti con lì'età in quanto l'intervento da maggiori risultati quanto più precocemnete avviene, non concordo con il danno da aradiazioni in quanto lei non ha subito un esposizione cronica.
personalmente prenderei in considerazioni l'ipotesi dell' intervcento
[#2] dopo  
Utente 151XXX

Iscritto dal 2010
Grazie 1000 per la disponibilità. Mi piacerebbe, se possibile, ricevere un parere (anche dagli altri medici) sulle domande 1, 2.