Utente 152XXX
Gentili Dottori,

voglio riportare un fatto accadutomi pochi giorni fa che mi sta causando notevoli disagi.
Dopo anni in cui avevo praticamente un'erezione spontanea tutte le mattine (ho 23 anni)3 mattine fa mi sono svegliato privo della classica erezione, che ho potuto avere manualmente e che ho concluso con una masturbazione.
Il giorno successivo la situazione si è aggravata, in quanto posso sentire un indurimento generale dell'asta del pene e non riesco ad avere alcuna erezione (con anche calo del desiderio); inoltre noto una diminuzione della grandezza del pene stesso a riposo.
Questa mattina mi sono rivolto al pronto soccorso ma mi è stato detto di non allarmarmi assolutamente e che alti livelli di stress (in effetti sono molto impegnato e penso continuamente alle varie attività da svolgere) e poco sonno possono causarlo (anche se a me sembra strano).
Questa mattina, appena tornato dal pronto soccorso dove mi hanno tranquillizzato, ho riposato più serenamente e ho notato un ritorno quasi alla normalità del mio pene (come consistenza e dimensioni) che però con l'avanzare del giorno è tornato come ieri.
Il primo giorno sentivo anche sporadicamente un leggero fastidio in alcuni punti del pene, che però oggi è scomparso.
Premetto che nei giorni antecedenti al fatto mi sono masturbato più volte al giorno (circa 3, non di più): può essere dovuto a un intervento traumatico?
Ci sono possibilità che questo evento regredisca autonomamente?
Io sono molto preoccupato dato che penso che non avrò mai più erezioni (e anche dall'estrema velocità con cui tutto questo si è verificato) ma mi è stato detto di lasciare passare qualche giorno e tutto si sarebbe sistemato.
Nel caso entro 2 settimane non notassi migliramenti, mi è stato detto di tornare in ospedale.
Urino normalmente ma il mio pene è come "morto"!
Concludo dicendo che il mio stile di vita è sano: palestra più volte a settimana, molta frutta e verdura, non fumo e bevo alcol sporadicamente.
Ringrazio anticipatamente per le risposte e chiedo eventuali suggerimenti comportamentali.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve.
se non la hanno tranquillizzata due visite in pronto soccorso dubito che da qua sia possibile.
dovrà farsi vedere da uno specialista.
le erezioni notturne non sono un evento obbligatorio specie se, come scrive, è sotto stress.
cordialmente
[#2] dopo  
Utente 152XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dr Biagiotti,

La ringrazio per la risposta.
Al pronto soccorso per ora sono andato una volta sola ma la visita è stata sommaria, più che altro un colloquio per capire di cosa potesse trattarsi e un'occhiata veloce al pene per vedere se c'erano arrossamenti o altre cose strane.
Inoltre vorrei aggiungere che sento i muscoli che si trovano tra il pene e l'ano come se fossero sempre in tensione. Questo può contribuire alla mancanza di erezione (che vorrei sottolineare mancare anche durante tutta la giornata, non solamente nella fase mattutina)?
Ora proverò ad aspettare qualche giorno poi mi rivolgerò di nuovo all'ospedale (anche perchè in questo periodo mi trovo all'estero e non so come funzionino le prenotazioni).
Ho letto su internet di molte malattie, anche gravi, che possono colpire il pene (es. fibrosi, ecc...): ma queste possono causare anche un calo della libido, per lo più così rapido (da un giorno all'altro)?
Cordialmente.
[#3] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
salve.
sembrerebbe tutto ascrivibile a stress, salvo dimostrazione del contrario, cosa che da qui non è possibile.
saluti
[#4] dopo  
Utente 152XXX

Iscritto dal 2010
Grazie,

spero vivamente si tratti semplicemente di stress e che questo evento sia passeggero, anche se fonte di stress aggiuntivo (non vorrei creare un circolo vizioso).
La ringrazio per la sua disponibilità e cordialità.