Utente 353XXX
Gent.mi dottori,
ho qasi 43 anni e scopro solo ora , dopo esami eseguiti per mancata gravidanza, di soffrire di VAricocele di III grado .
Lo spermiogramma manifesta una oligospermia severa (8.000.000 di spermatozoi di cui 7 mil. immobili e 1 mil mobile in situ - 79% in forme anomale). Siamo già in lista per eseguire una prima FIVET , ma io sono incerto se pensare ad un intervento di varicocele oppure no .
Non spero con l'intervento di aspirare ad una gravidanza naturale , ma temo che se non sarò operato il mio spermiogramma possa peggiorare e , dati i tempi lunghi di attesa per la FIVET , di non riuscire a poter fare neanche un tentativo.
Grazie per esprimere il vostro parere.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Giambersio
28% attività
4% attualità
12% socialità
POTENZA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
non esiste un'età massima per eseguire un intervento di varicocele.
La vita riproduttiva dell'uomo è molto più lunga di quella di una
donna e sono state documentate gravidanze anche in età molto avanzata. Per quanto sopra se non vi sono altre ragioni che possono
spiegare le alterazioni dello spermiogramma, a mio avviso, ci sono
tutte le indicazioni per eseguire l'intervento chirurgico.
Spesso il fattore limitante in queste circostanze (anche per la
FIVET e l'ICSI) è l'età della donna.
Se va all'indirizzo www.geocities.com/agiambersio troverà una piccola
monografia sul varicocele che forse potrebbe esserLe di aiuto.
Cordiali saluti

[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore 35313,

non sono d'accordo con il parere del Dottor Giambersio per le seguenti ragioni.
1.A 43 anni, le possibilità di migliorare dopo intervento per varicocele sono statisticamente estremamente scarse.
2. le possibilità che la correzione del varicocele possa migliorare la sua fertilità fino a consentirle una fecondazione naturale mi sembrano veramente poco probabili
3.Una volta deciso di intraprendere una Procreazione Medicalmente Assistita ( nel suo caso una ICSI)che mi sembra la via più corretta e pratica, il fatto di avere cambiamenti del liquido seminale non cambia la procedura.
In pratica io non consiglierei ad un paziente di 43 anni, con un liquido seminale come il suo di operare il varicocele.
E' vero che sull'argomento esistono opinioni spesso contrastanti e varie. Il rapporto di fiducia con il suo Medico mi sembra fondamentale
cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Non esiste una eta' massima a cui si viene sottoposti ad intervento di varicocele,tuttavia e' chiaro sia dalla letteratura che dai risultati delle esperienze chirurgiche dei singoli operatori, che i risultati migliori si ottengono quando l'intervento viene eseguito in giovane eta', questo e' il motivo per il quale molti di noi urologi non consigliano l'intervento dopo 32-35 anni.
In ogni caso mi preme ricordare che l'intervento serve a salvaguardare gli elementi cosiddetti buoni della linea seminale, evitando col progredire della patologia il loro ulteriore deterioramento.
Cordiali saluti,
dott Daniele Masala.
[#4] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
i motivi per sottoporre a trattamento un varicocele, senza voler entrare nel merito specifico delle modalità tecniche di trattamento, son tre:
1) dispermia
2) sintomatologia soggettiva
3) inestetismi.
L'età cronologica, come vede, non c'entra proprio niente.
Sia ben chiara una cosa: nel Suo caso le remore a consigliare o meno una correzione del varicocele non sono certamente dettate dalla Sua età ma, semmai, dal quadro seminologico.
Purtroppo, anche se le cose stanno cambiando grazie ad una nuova cultura "andrologica" sempre in maggior diffusione, la maggior parte dei pazienti che si rivolgono al Chirurgo per un intervento di varicolectomia appartengono ancora alla terza-quarta decade di vita.
Se l'indicazione è corretta...il trattamento è indicato...
Direi che la cosa migliore sia che il Suo Andrologo ed il Chirurgo di fiducia rivalutino insieme il Suo caso, dimenticando però la Sua età...
Auguri affettuosi per la pronta risoluzione del problema ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#5] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Concordo sulla inutilità ai fini della fertilità di un intervento per varicocele a 43 aa.
Cordiali saluti
[#6] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
posso solo ribadirLe quello che è non solo il mio di parere, ma di moltissimi altri, sull'argomento. L'età cronologica non c'entra nulla con l'indicazione o meno al trattamento di un varicocele. Purtroppo, anche se le cose stanno cambiando grazie ad una nuova cultura "andrologica" sempre in maggior diffusione, la maggior parte dei pazienti che si rivolgono al Chirurgo per un intervento di varicolectomia appartengono ancora alla terza-quarta decade di vita. Una buona parte dei miei pazienti è over 35. Questa è spesso la "fascia di età" in cui oggi, per motivi socioeconomici, si comincia a formnare una coppia stabile e quindi a cercare un concepimento ed è a questo punto che possono nascere di solito i problemi di fertilità.
Le ripeto che se l'indicazione è corretta...il trattamento è indicato... anche a 70 anni...:o)
Ancora affettuosi saluti
Prof. Giovanni MARTINO
[#7] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore 35313,

senza entrare in "polemiche" medico-specialistiche non ancora risolte dopo centinaia o migliaia di Congressi Medici e di pubblicazioni, libri e Trattati, mi sembra che lei non abbia lamentato problemi di aspetti estetici o disagio comportamentale legato alla tumefazione varicosa che circonda il testicolo sinistro, lei non dice nemmeno di soffrire per dolori o disagi testicolari legati sempre al varicocele e quindi ci chiede se a 43 anni abbia un senso operare un varicocele per migliorare i caratteri del liquido seminale. In questo senso le riaffermo il parere, sostanziato anche da ricca letteratura internazionale, che dopo i 40 anni pochissimi hanno potuto vedere miglioramenti significativi del liquido seminale tali da consentire l'ottenimento di gavidanze e che , quindi, a mio ( e non solo mio) parere non ci sarebbero indicazioni alla correzione chirurgica del varicocele.
E' chiaro, peraltro, che uno può chiedere di essere operato di varicocele anche a 60 anni o di rifarsi il seno o le palpebre a 70 anni, allora questa mi sembrerebbe chirurgia "estetica" assolutamente valida e rispettabile, ma estetica.
cari saluti'
[#8] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
non posso che ribadirLe il mio pensiero e le evidenze che posso trarre dal mio lavoro quotidiano. L'indicazione all'intervento di correzione di un varicocele NON dipende dall'età cronologica del paziente...ma da tutti altri parametri...ormai ben noti e già discussi più volte in questo forum.
Ancora cari saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#9] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Penso che chi ha posto la domanda sia leggermente confuso
e al di là di chi ha ragione o torto Le consiglio di mettersi in cura da un urologo e poi... non sentire più nessuno.
Le esperienze come vede si sovrappongono e ognuno è convinto di quanto dice.
Cordiali saluti
[#10] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
proviamo, ammesso che Lei lo sia confuso, a dissipare ancora un pò la Sua presunta confusione.
Allora, e cerco di essere sintetico al massimo:
1) Se Lei mi chiede se io procederei alla correzione chirurgica del Suo varicocele...la risposta è decisamente NO.
2) Se Lei mi chiede se l'età anagrafica del paziente, di per sè, rappresenta una controindicazione all'intervento di varicocelectomia ...la risposta è decisamente NO
Più chiaro di così non riesco ad essere.
Ancora affettuosi auguri.
Prof. Giovanni MARTINO