Utente 152XXX
Salve Dottore,
anzitutto ringrazio per la vostra disponibilità e pazienza..., faccio un piccolo riassunto ...

ho contattato l'EBV nel Luglio del 2007 e mi ha creato stanchezza e linfoadenopatia che si è parzialmente risolta in 6-8 mesi circa.

Linfonodi sentinella ascellari e inguinali dilatati fino a 2 cm più altri minori tutti sempre reattivi, rteattività che si è quasi completamente risolta nel tempo indicato... i linfonodi dilatati però non sono più rientrati a dimensioni normali, hanno semplicemente perso la loro reatività (vari esami ecografici) i più piccoli invece sono rientrati abbastanza bene.

passano 2 anni e a dicembre del 2009 ripartono i dolorini all'inguine e alle ascelle, faccio eco ed esami vari e boom .. i linfonodi si riattivano e quelli di 2 cm si espandono ulteriormente..... uno fino quasi a 3 cm...

Ora... per me è l'EBV, i test vari fatti nel tempo dal 2007 in poi hanno dimostrato un graduale diminuzione delgi IgG VCa fino all'ultimo valore 69 Marzo 2010, riferimento < 20 negativo, Igm VCA sempre negativi dai tempi della scoperta (a infezione parzialmente risolta però), EA sempre negativi.... EBNA IgG invece nel 2007 invece 143, rif. < 20 negat, nel 2008 134, ed oggi
Marzo 2010 a 163, leggermente più alti

Le eco fatte da Gennaio 2010 in poi dimostrato una diminuita reattività del linfonodi e una riduzione di volume di quelli minori, alcuni scomparti, tuttavia io ho sempre fastidietti,e quelli grandi quasi invariati.

In gennaio avevo una leggera alterazione dei moniciti circa il 15% fuori dall' intervallo ed un rapporto CD4/CD8 di 3.2 la cosa interesdsante è che nel 2007 il rapporto era di 2.2 ora la media corretta è di 1,49 perciò come lei saprà benissimo un rapporto alterato in questo senso se peggiorasse sarebbe indice di una malattia autoimmune (valore max di intervallo è considerato 3.6) , ma EBV è una malattia linfoproliferattiva.....

A questo punto io vorrei fare qualcosa... non vorrei trovarmi tra qualche anno con un bel linfoma, cancro o peggio... soprattutto se si può fare qualcosa...

ah, la tiroide è leggermente alterata anche se i valori sono nel limiti, ghiandole salivarie un po' ingrossate, le tonsille non le ho più.

Tutti gli altri valori ematici sono ad oggi nella norma, B2M, LDH, Cupremia, Proteine, Emocromo, etc..a parte una toxoplasmosi regressa Igm negative e IgG in calo nel tempo.

Cosa ne pensa ?



Cordiali saluti ed intanto ... grazie in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Poichè il suo timore maggiore è quello del linfoma mi sembra che non abbia alcuna ragione di preoccuparsi anche se è difficile darle una risposta senza una visita.

Lei stesso tracciando il suo quadro clinico ha ben descritto il comportamento del sistema linfatico e dei linfonodi. I linfonodi diventano reattivi (=reagiscono ingerossandosi)per varie cause (batteri, virus...) e poi possono persistere ingrossati per tempi variabili anche lunghi.

In caso di ulteriori dubbi farei una visita ematologica perchè per una valutazione completa è indispensabile la visita.

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=40590

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/lifonodisentinella.htm

Cordiali saluti