Utente 152XXX
Salve,
ringrazio in anticipo tutti per questo servizo offerto. Ultimamente credo che qualcosa non funzioni nel rapporto di coppia con la mia partner. Onestamente non ho mai sentito l'esigenza di lamentarmi su questo punto,ma da quando stiamo avendo dei problemi di salute con nostro figlio i rapporti sono diventati molto, molto meno frequenti e quando capita di avere rapporti la durata non supera "credo" 2-3 minuti. Di solito si fa fatica ad andare direttamente dal medico quindi ho cercato "stupidamente" qualche consiglio non professionale. Alcuni mi hanno consigliato della pomata anestetica "emla" altri mi dicono che ci sono delle pillole "priligy a base di dapoxetina", ma io sinceramente non so che fare. Ho cercato di far capire alla mia partner che forse farlo in modo così occasionale potrebbe penalizzare entrambe visto che in passato non è mai esistito tale problema ( tranne qualche sporadita "defaillance" spero non capitata solo a me). Nonostante tutto non credo di aver centrato il problema perchè le altre preoccupazioni "giustamente" sono più importanti della vita di coppia. Anche per me le preoccupazioni della salute di mio figlio sono al primo posto, però, ho paura che giorno per giorno io assuma sempre di più una posizione cautelativa, inconsciamente frustrante che mi fa accettare passivamente tale situazione. Vi prego di aiutarmi a capire come posso superare questa fase così delicata. Grazie di cuore per l'auito che vorrete offrirmi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
una eiaculazione precoce può dipendere da problemi psicologici o organici (infiammazioni locali) e di qua non posso sapere. Tutti i peresidi che lei cita possono avere una loro validità a seconda della causa determinante il problema. Meglio farsi vedere del vivo, tabnto per avere causa e terapia adatta.,