Utente 112XXX
Buona sera,
da un anno continua ad avere una infiammazione zone inguino, testicolo, aduttore che non va via.
ho fatto numerose visite e controlli senza mai trovare nulla se non nell ultimo esame ecografico in cui riporta:
Segnalo piccola ernia inguinale bilaterale.
a dx in stazione eretta è visibile un allargamento del canale inguinale, nel contesto del quale si evidenzia una diffusa ectasia venosa e del deferente.
Le ernie mi hanno detto sono troppe piccole e non visibili per operarle.
l allargamento del canale inguinale nessuno mi sa indicare il motivo.
Riporto il link
http://www.medicitalia.it/02it/consulto.asp?idpost=96377
se qualcuno volesse leggere la cronologia della storia, per poi magari darmi una indicazione se il caso mio puo essere trattato con osteopata o agopuntura o qualcos altro.
grazie Andrea
[#1] dopo  
Dr. Sandro Morelli
28% attività
4% attualità
16% socialità
VELLETRI (RM)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
Buongiorno. La vedo disperato, bisogna prima fare una diagnosi e la via e-mail non è appropiata. Vada anche da un chirurgo. Per quanto riguarda una eventuale terapia dipende sempre dalla diagnosi: se il problema è di natura osteo-tendinea, va bene l'osteopata ed è sempre consigliabile cura omeopatica ed agopuntura. Ma prima va fatta la diagnosi con un medico professionalmente preparato!
[#2] dopo  
Utente 112XXX

Iscritto dal 2009
Salve dott effettivamente sono disperato perche è da un anno he vado avanti on questo problema e nessuno riese a risolvere tale situazione.
il hirurgo sono gia andato ben due volte e mi hanno detto he le piccole ernie he ho non sono da operare e non mi reano loro tale problema e hanno chiuso il discorso qui.
ho fatto poi visita urologia ma anhe lui ha detto he non i sono problemi ai testicoli.
poi sono andato da due fisiatri e mi hanno fatto fare laser e prendere cortisone, ma senza nessun apparente rimedio.
nessuno è in grado di farmi una diagnosi degna del nome.
ora sono ome un anno fa al punto di partenza sensa sapere dove andare.
[#3] dopo  
Dr. Walter Ardigò
20% attività
0% attualità
12% socialità
CORTE FRANCA (BS)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2008
Gentile Andrea,
sono un esperto di agopuntura, omeopatia, fitoterapia sia occidentale sia cinese e micoterapia, nuova branca del sapere naturale.
Le consiglierei certamnete di rivolgersi ad un esperto di agopuntura, perchè chi conosce bene questo approccio legge la sintomatolgia, non come il problema, ma come la punta di un iceberg sommerso.
Va alla ricerca della causa energetica, secondo un approccio olistico. Che in parole forse più chiare significa che qualsiasi uno o più degli organi dell'organismo può essere in difficoltà "energetica" e trovarsi squilibrio. O anche funzioni dell'organismo che apparentemente poco coinvolte in quel tipo di sintomo, come ad esempio alimentazione, età, sesso, corporatura, sonno o altro, che l'agopuntore esperto indaga, secondo una logica, apparentemente singolare, ma frutto di una metodologia rigorosa e ben precise.
Le faccio un esempio quale legame c'è tra un ago sul polso e la risoluzione del vomito ? nessuno secondo la medicina convenzionale eppure il sintomo passa. Oggi si trovano anche in farmacia bracciali che comprimono quel punto antivomito perchè il risultato è "praticamente quasi garantito".
Questo per dirle che se anche la diagnosi o i risultati della medicina convenzionale non sono stati risolutori, la medicina cinese che affianca altri concetti nell'interpretazione della fisiologia, causa e sviluppo della patologia, ragionamento diagnostoici e terapia con aghi nella cute, spesso riesce a dare risposte e risoluzione o allegereimento delle patologia sorprendentemente efficaci.
Io proverei
cordialmente
dr Walter Ardigò
[#4] dopo  
Utente 112XXX

Iscritto dal 2009
Buon giorno dott, lei mi dice di provare...
solamente che io è da un anno che mi dicono di provare prima questo poi l altro ecc.
quello che dico io è che non posso provare tutto quello che mi dicono sia per un fatto che dovrei buttare via un sacco di tempo ma soppratutto un sacco di soldi, anche se in verita darei tutto perke questa cosa si risolvesse.
quindi come faccio ora a fidarmi dell agopuntura?
o meglio come posso essere certo che l agopuntura possa risolvermi tale problema?
ps. glielo chiedo anche perke sono "nemico" degli aghi... :-)
[#5] dopo  
Dr. Walter Ardigò
20% attività
0% attualità
12% socialità
CORTE FRANCA (BS)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2008
Gentile lettore,
nel commento ho cercato di avvalorare documentare, che l'Agopuntura è certamente la metodica da seguire. Lo verifico quotidianamente da 25 anni.

L'ago è sottile come un capello e totalmente indolore, ed ha uno spessore 0,2 millimetri.

"Proverei" era solo una formula di cortesia,
mentre la sostanza del problema è nel resto del commento.

Cordialmente
dr Walter Ardigò
[#6] dopo  
Utente 112XXX

Iscritto dal 2009
ho visto che lei opera in prov di brescia, dove io per altro lavoro.
Prima di iniziare questo tipo di terapia(agopuntura) è possibile un consulto dove assieme si capisce se è la strada giusta?
[#7] dopo  
Dr. Walter Ardigò
20% attività
0% attualità
12% socialità
CORTE FRANCA (BS)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2008
Gentile lettore,
sono certamente disponibile per un consulto.

Buona Pasqua