Utente 335XXX
Da circa una anno accuso un'alterata sensibilita' sopratutto ai piedi e in misura minore anche alle mani e alle braccia, le parti sono meno sensibili al tatto.
La neurologa mi ha prescritto una radiografia sia cervicale che lombo/sacrale e un'elettromiografia arti inferiori e superiori.
La radiografie hanno evidenziato soltanto una piccola uncoartrosi cervicale e l'elettromiografia ha evidenziato alcune sofferenze sopratutto agli arti inferiori.
A questo punto mi ha fatto fare una tac alla colonna vertebrale che ha confermato soltanto il piccolo problema cervicale.
La diagnosi della neurologa e' stata di radicolite e in buona sostanza mi ha detto che i miei disturbi me li dovro' tenere.
Non ha ritenuto andare oltre nelle indagini.
Mi farebbe piacere un parere. Al di la' del disturbo che e' fastidioso ma sopportabile si puo' indagare oltre per capire l'origine di questa radicolite?
E' un disturbo che si puo' aggravare? Non esiste effettivamente una cura? E' opportuno che mi rivolga ad un altro neurologo?
Puo' essere invece un disturbo di altro genere (p.e. cattiva circolazione?)
Le analisi del sangue hanno escluso problemi reumatici.
Vi ringrazio dell'attenzione.
[#1] dopo  
Dr. Giacomo Zizzi
24% attività
0% attualità
8% socialità
MARTINA FRANCA (TA)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
la radicolite, come sicuramente il Suo neurologo Le avrà spiegato, è una infiammazione di una o più radici nervose, determinata da agenti di compressione locale o da fattori infettivi diretti, tossinfettivi o allergici.
Le indagini che Lei ha fatto andrebbero secondo me completate -per maggiore tranquillità - con una RMN cervicale e lombare.
Ne parli con il Suo Neurologo, con serenità.
Stia tranquilla. Cordiali saluti.