Utente 107XXX
Salve. Sono un ragazzo di 23 anni.
Cero di riassumere il più possibile. Sono stato fidanzato per circa 3 anni con una ragazza con cui avevo regolari rapporti sessuali. La mia erezione non è mai stata a livelli eccelsi: avevo difficoltà a raggiungerla ed a volte anche a mantenerla. Ma questo non mi precludeva la possibilità di avere rapporti comunque soddisfacenti sia per me che per la mia partner, quindi non l'ho mai ritenuto un problema. La scorsa estate ci siamo lasciati ed io ho avuto rapporti con altre 3 ragazze. Qui ho notato di più il problema. In fase pre-preliminari la mia eccitazione è a livelli molto alti ed anche la mia erezione è molto soddisfacente. Poi quando iniziamo con i preliminari e successivamente con il rapporto la mia erezione perde decisamente, a volte fino a scomparire del tutto. E comunque, in ogni caso, avevo difficoltà a mantenerla perdendola proprio durante l'atto della penetrazione. Poi, circa un mesetto fa, mi viene diagnosticato un varicocele al testicolo sinistro che dopo spermiogramma e codoppler funicolare si scopre essere di 1° grado, quindi di entità molto lieve. Questo mi sorprese perchè a giudicare dalle parole dell'andrologo che lo valutò tastando, il varicocele era ad un livello non preoccupante ma neanche così basso.Ora sono ancora in attesa della visita di controllo. Nel frattempo, però, ho una nuova partner con cui ho regolari rapporti ed anche qui non mancano i problemi. Spessi in fase pre-preliminari la mia eccitazione è alta e la mia erezione soddisfacente...Poi, man mano che si va avanti, diventa sempre meno vigorosa fino a perderla durante il rapporto. Questo mi crea non poco imbarazzo. Ci sono momeni, però, diciamo in prossimità (un tempo non lungo, ma non si parla neanche di secondi) in cui, vicino all'eiaculazione, la mia erezione è molto vigorosa e mi permette dei rapporti molto soddisfacenti. Ma questo succede di rado, però succede. Vorrei sapere: questa situazione può essere collegata in qualche modo al varicocele? Vorrei provare, nel frattempo, ad assumere un farmaco tipo il cialis, ma temo di entrare in una spirale che non mi permetterà più di riuscire ad avere un'erezione senza assumerlo...E' un problema reale? Attendo con ansia una vostra risposta. Grazie mille per l'attenzione e per la disponibilità.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
l'alternanza/incostanza del disturbo deporrebbe per una origine emotiva dello stesso. Escluderei un ruolo causale del varicocele. Concordo con le sue perplessità in merito all'assunzione del Cialis nel suo caso: ne parli comunque direttamente con il suo Andrologo.
[#2] dopo  
Utente 107XXX

Iscritto dal 2009
Dimenticavo di aggiungere che questo problema lo riscontro anche in fase di masturbazione. Come se avessi difficoltà a mantenere lo stato di eccitazione.