Utente 153XXX
spettabili dottori, circa 6 anni fa ho avuto una prostaite, che ho curato con successo con una cura di levoxacin 500 per 1 mese. da allora non ho mai avuto problemi, ogni anno faccio la permocoltura i cui risultati sono sempre negativi, i leucociti sono sempre assenti.
circa 9 mesi fa ho fatto per mio scrupolo una ecografia, nella quale si evidenzia una zona iperecogena, una zona ipoecogena, ed una struttura disomogenea. il radiologo mi dice che ho la prostatite.
spaventato vado da 3 urologi diversi portando il responso del radiologo
tutti i tre gli urologi mi dicono la stessa cosa e cioe:
che il radiologo si e' sbagliato in quanto lui ha visto dei segni nella prostata ma questi segni sono esiti di pregresse infiammazione che dal punto di vista ecografico rimangono anche quando la prostatite viene curata definitivamente, in sostanza sono delle cicatrici. dopo l ecografia ho ripetuto tutte le analisi, per tre volte, il risultato e' sempre stato identico leucociti assenti, batteri assenti. premettendo che sono sempre stato asintomatico, sto benissimo tranne lapaura messa dal radiolo, voi cosa ne pensate, chi ha ragione?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,mi sento di concordare con le conclusioni dei colleghi che l'hanno visitata.Le ricordo che la funzione della prostata e' di produrre il 50% circa del liquido seminale,quindi,e' preposta alla fecondazione ed alla sessualita'.Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 153XXX

Iscritto dal 2010
spettabile dottore, grazie per la sua veloce risposta, altra cosa che mi hanno detto gli urologi interpellati e che l'ecografia transrettale non e' un esame diagnostico, eventualmente di supporto, e che spesso una normale disomogeneita' della struttura prostatica e le zone iperecogene o ipoecogene sono presenti in moltissime persone e sono esiti asintomatici.possono essere cicatrici di pregressi stati infiammtori.cosa ne pensa lei?
cosa vuol dire quando i leucociti sono assenti?
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...penso che sono tutti elementi che debbano dare tranquillita' assoluta,non ansia ingiustificata.I leucociti possono avere una certa importanza clinica quando sono in eccesso,non quando mancano...in quanto sottolineano assenza di stati flogistico/infiammatori.Cordialita'.
[#4] dopo  
Utente 153XXX

Iscritto dal 2010
grazie per la risposta, una domanda le e cicatrici predispongono ad infezioni, oppure sono in tutto e per tutto identiche al tessuto non cicatriziale?
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...le cicatrici sono un tessuto inerte che non puo' favorire stati infiammatori.
Cordialita'.
[#6] dopo  
Utente 153XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per la risposta, le cicatrici prostatiche sono più predisposte ad essere colpite da batteri? Per struttura disomogenea della prostata cosa si intende? Conferma anche lei come gli urologi interpellati che la struttura disomogenea può essere la conseguenza di una vecchia infiammazione, per cui di nessuna valenza clinic se asintomatica come nel mio caso e visto che la spiermocoltura e' risultata negativa anche a livello dei leucociti? Scusi se le faccio tutte queste domande ma certe cose mi mettono mOlta ansia. La ringrazio in anticipo
[#7] dopo  
Dr. Diego D'Agostino
24% attività
0% attualità
12% socialità
TREVISO (TV)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Caro lettore,
come dettoLe da vari colleghi e dal dr.Izzo non c'e' alcun motivo di preoccupazione per la Sua situazione;non c'e' in atto nessuna prostatite ed il repertp prostatico ,comune a tantissime persone,evidenzia gli esiti di vecchi fatti flogistici.Stia tranquillo!!
[#8] dopo  
Utente 153XXX

Iscritto dal 2010
Per cui anche lei da ragione agli urologi interpellati e non al radiologo.
[#9] dopo  
Utente 153XXX

Iscritto dal 2010
Spettabili dottori le cicatrici prostatiche predispongono as infezioni o infiammazioni o sono come le zone non cicatriziali
[#10] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...perche' insiste nel proporre lo stesso quesito?Cordialita'.
[#11] dopo  
Utente 153XXX

Iscritto dal 2010
Spettabili dottori insisto con questa domanda perché quando sono andato a fala visita dagli urologi tutti hanno confermato che si tratta di cicatrici per cui esiti di vecchie infiammazioni e non hanno dato importanza, tutti hanno confermato che l ecografia non e' un esame diagnostico e che ciò che si vede e' il ricordo di vecchie infiammazioni, e fin qui tutti d accordo , solo che uno dei tre urologi mi ha detto che quelle zone cicatriziali sono più soggette ad infiammazioni in quanto i batteri possono fermarsi li più facilmente, mentre gli altri due urologi interpellati mi hanno detto il contrario e cioe che quelle zone cicatriziali non hanno alcul valore clinico e che non e vero che possono infettarsi e infiammarsi più facilmente delle altre. Per Hquesto vi faccio questa domanda, chi ha ragione? Purtroppo questa cosa mi mette molta ansia. Vi ringrazio in anticipo
[#12] dopo  
Utente 153XXX

Iscritto dal 2010
Ringrazio in anticipo
[#13] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...si sta creando problemi inutili.Conviene rifarsi unicamente ai dati clinici legati alla sintomatologia.Buona Pasqua.