Utente 153XXX
Salve, volevo esporre il mio caso:
Ho 25 anni e molti nevi, ad Ottobre mi hanno erroneamente escisso tramite laser un nevo insorto sull'elice dell'orecchio destro, colore nerastro, sopraelevato,cresciuto velocemente sino ai 0.4 cm; il primo esame istologico, della sola lesione senza margini sani, aveva riportato questo:
"Frammento cutaneo con proliferazione di elementi melanocitari epitelioidei e fusati con marcato pleomorfismo, irregolare distribuzione del pigmento e diffuso epidermotropismo; non presenza di ulcerazione; non presenza di mitosi; diagnosi: nevo di spitz epitelioide".
La patologa mi aveva però detto che la lesione era abbastanza "brutta" (il dermatologo che tolse il nevo lo mise in alcool, la patologa mi disse che non è corretto immettere una lesione in alcool) e che per sicurezza era stata visionata anche dal Professor Guido Massi dell'università cattolica di Roma che aveva confermato la diagnosi di nevo di spitz e che consigliava un'allargamento dell'exeresi; la lesione venne anche visionata da una patologa di Bari, la quale sosteneva addirittura non si trattasse nemmeno di nevo di spitz, ma di una lesione comunque tranquilla.
Dottore io dopo un mese effettuai l'allargamento e l'esame istologico venne effettuato sempre dalla patologa che aveva visionato la prima lesione asportata; la patologa disse che sotto la piccola cicatrice effettuata nella prima asportazione non era presente assolutamente niente, solo la piccola cicatrice e basta; fra l'altro ha anche detto che nella prima lesione non c'erano atipie... ora io non ho ben capito se posso stare totalmente tranquillo o se sono necessari altri esami, tipo il linfonodo sentinella... Dottore io dopo tanto tempo sono ancora in ansia, non riesco a capire se posso dimenticarmi di questa cosa o no... ho letto di alcuni casi in cui i nevi di spitz hanno dato metastasi; secondo la mia patologa quei casi sono da attribuire ad una scorretta diagnosi in esame istologico. Dottore cosa devo fare?
Il fatto che la cicatrice sotto era libera da qualsiasi cosa mi può far mettere l'anima in pace per sempre?
La prego dottore mi aiuti perchè non so più cosa pensare.
La ringrazio davvero molto.
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

un pò di chiarezza anzitutto:

i nevi di Spitz NON danno metastasi;

il Melanoma SPITZOIDE dà metastasi.

Con questo significo un punto che deve essere chiaro:

il nevo di spitz in alcuni casi può essere - ed è - un problema clinico e isto-patologico. Spesso in questi casi difficili la diagnosi differenziale fra un Melanoma spitzoide ed un Nevo di Spitz atipico può essere veramente indaginosa e questo anche (e forse soprattutto..) per gli occhi di professionisti esperti in materia.

In alcuni casi, la diangosi di certezza non può essere fatta ma si possono prestabilire delle situazioni appannaggio di un concetto di benignità quando:

- il soggetto è giovane (<40 anni) oppure:
- non si verificano per alcuni anni situazioni gravi (metastasi locali o a distanza)

Credo che da questa sede non si possa aggiungere null'altro di utile per la sua tranquillità, ma spero di essere stato chiaro nei concetti espressi.

cari saluti

Dott. LAINO, Roma
[#2] dopo  
Utente 153XXX

Iscritto dal 2010
Daccordo Dottore, la ringrazio. La lesione è stata comunque visionata da 3 patologi, tra cui il professore Guido Massi di Roma, che credo abbia scritto anche alcuni testi riguardo il nevo di spitz; la patologa mi ha detto che le celllule sembravano "brutte" perchè la lesione era stata messa in alcool e questo solitamente è da evitare; inoltre non c'erano comunque atipie o mitosi, e dopo il successivo allargamento sotto la piccola cicatrice non era presente comunque nulla;
lei suggerisce di poter stare tranquilli dottore?
[#3] dopo  
Dr. Emanuele Di Pierri
24% attività
0% attualità
12% socialità
MARTINA FRANCA (TA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
il nevo di spitz in età adulta va comunque asportato, anche se non con il laser,
tuttavia la successiva radicalizzazione dovrebbe aver riparato l'errore nella scelta della tecnica.
Per questo è smpre preferibile sottoporre una lesione all'esame di uno specialista dermatologo esperto dermatoscopista.
In ogni caso ha già fato il necessario e non ci pensi più, piuttosto si sottoponga a controlli periodici di tutta la superficie corporea.
cordialità
[#4] dopo  
Utente 153XXX

Iscritto dal 2010
Capisco, la ringrazio dottore; ho visto che lei esercita a Mesagne; io vivo a Mesagne, mi potrebbe dire dove fà studio?
[#5] dopo  
Dr. Emanuele Di Pierri
24% attività
0% attualità
12% socialità
MARTINA FRANCA (TA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Buon giorno,
aprendo la scheda di ogni medico di questo sito (cliccando sul nome) troverà tutti i riferimenti, la sede principale è sempre quella di Taranto.
Cordialità