Utente 153XXX
ho 28 anni ed ogni tanto, a distanza di mesi o addirittura di anni,

riscontro degli episodi di vertigine che mi costringono a letto dai 2

giorni a, nel caso più lungo, una settimana.
A memoria, la prima volta che ho avuto questo disturbo, avevo 12 o 13

anni.
Improvvisamente, MAI da sdraiato, vedo l'ambiente intorno a me ruotare

rapidamente. La conseguente sensazione di nausa non sempre si trasforma

in vomito. La sensazione di vertigine è abbastanza forte e rimane per

qualche ora. Devo rimanere sdraiato e nelle prime ore dopo l'episodio

anche stare seduto mi risulta difficile. Nei casi migliori il giorno

successivo comincio a stare meglio e quello successivo ancora sono a

posto senza fare nulla, altre volte sono passati più giorni. Dal medico

di famiglia questi episodi sono stati classificati come causati da bassa

pressione (una volta diagnosticata 45 - 90), altre volte, dove la

pressione era ok, da infiammazione cervicale.
Un'altra volta, recatomi al pronto soccorso e visitato da un neurologo,

sono stati esclusi disturbi neurologici, supportato da TAC e risonanza

magnetica negativi.
Un'altra volta, recatomi al pronto soccorso e visitato da un otorino,

sono stati esclusi disturbi dell'apparato uditivo come la labirintite.

Quella volta il disturbo mi è stato associato a sofferenze della

muscolatura facciale, stressata a causa di alcune otturazioni dentali

non correttamente regolate che causavano uno scompenso nella

masticazione.

In alcuni casi, sicuramente negli ultimi due (feb. 2007 e pochi giorni

fa), sono abbasatanza sicuro che la "crisi" è iniziata in seguito ad un

movimento della testa da un lato all'altro, neanche molto rapido però.

Altre volte, alzandomi da rannicchiato.

Premesso che il disturbo è sempre passato da solo al massimo in una

settimana e che non è poi così frequente (in totale penso 10/12

episodi), mi piacerebbe comunque scoprire di cosa si tratta e se c'è

qualche modo di evitarlo, siccome il manifestarsi improvviso di questi

episodi spesso mi porta all'ansia o la paura che si ripresenti, sempre

quando meno me lo aspetto.

Vorrei quindi chiedere quali esami poter effettuare o da quali

specialisti farmi visitare.

Note:
frattura vertebre D5-D7 nel 2002
tiroidectomia totale e seguente terapia radiometabolica nel 2007
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gaetano Moccia
24% attività
0% attualità
4% socialità
AFRAGOLA (NA)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2008
salve ,
si faccia visitare un collega che sicuramente dopo una valutazione audiometrica potrà effettuare manovre per evidenziare e probabilmente risolvere una "cupololitiasi",
VPPB.
saluti e AUGURI
[#2] dopo  
Utente 153XXX

Iscritto dal 2010
Grazie molte. Saprebbe indicarmi a quali strutture ospedaliere in Lombardia mi potrei rivolgere per questo tipo di esame?