Utente 153XXX
Buongiorno

il 26 marzo US sono stato operato per ridurre una frattura della pavimentazione orbitale destra

Mi è stata inserita una retina in titanio fissata con microviti per ricostruire tale pavimentazione.
Ad oggi presento una decisa diplopia con la particolarità che la visione dall'occhio destro risulta fuori anche asse rispetto all'occhio sinistro di circa 30° (per spiegarmi, se guardo une linea di piastrelle la vedo doppia e quella che vedo con l'occhio destro risulta inclinata di circa 30 gradi verso bassodestra rispetto a quella che vedo con l'occhio sano

Volevo sapere se è normale e in quanto tempo l'effetto dovrebbe scomparire o se devo preoccuparmi.

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Federico Servadio
24% attività
4% attualità
12% socialità
SAN GIULIANO TERME (PI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2010
Difficile dare giudizi senza la documentazione pre e post operatoria.
La diplopia è una complicanza comune nelle fratture del pavimento orbitario, causata dalla caduta del tessuto di sostegno orbitario all'interno del seno mascellare (il cui tetto è proprio composto dal pavimento orbitario).
Generalmente dopo un intervento di riduzione della frattura e il posizionamento di una rete o membrana di vario materiale si ottiene una buona guarigione con scomparsa della diplopia.
A volte questa può persistere ancora qualche giorno per l'edema post-operatorio che si crea all'interno della cavità orbitaria. Altre volte il trauma è così destruente che la correzione non è perfetta, almeno con un primo intervento.
Se la situazione persiste lo faccia presente al chirurgo che l'ha operata e lui saprà sicuramente darle delle spiegazioni
Cordiali Saluti
[#2] dopo  
Utente 153XXX

Iscritto dal 2010
la ringrazio per la cortese risposta

In effetti a qualche giorno dall'intervento mi pare di vedere dei miglioramenti. Spero che la situazione possa tornare alla perfetta normalità