Utente 1XXX
Egregi dottori

Giro questa richiesta d'auito per conto della mia cara amica. Lei è una ragazza che vive in una città del Kazakhstan.
Io sono un tecnico che lavora nel settore petrolifero e passo buona parte dell'anno da quelle parti.

Ciò che vi chiedo è una spiegazione e un consiglio nel limite delle possibilità
mi rendo perfettamente conto che una diagnosi a distanza non è facile.

Questo è quanto:
circa 6 anni fa la ragazza Kazina il suo nome, ha avuto una caduta di capelli, una chiazza grande quanto una vecchia moneta da 100 lire.
Per i successivi due anni niente, poi è ricominciata la stessa caduta, non sempre allo stesso punto ma sempre una chiazza. La costante di questa caduta di capelli è che è sempre circoscritto ad una chiazza e sempre ad agosto con precisione quasi cronometrica da 4 anni. Infatti da pochi giorni il fatto si è ripetuto, questa volta
spostato verso la nuca.

Tre o quattro mesi dopo i capelli ricrescono.

Lei è una ragazza di 27 anni gode di ottima salute e fa una vita regolare, non soffre di alcun problema nervoso o interno. Almeno questo crede.
Si è rivolta ad alcuni dottori da quelle parti, le strutture ospedaliere sono a dir poco indescrivibili e molte medicine introvabili, hanno liquidato il fatto dando la colpa all'inquinamento.

Per questo mi rivolgo a voi per un consiglio anche perchè io riparto per il Kazakhstan mercoledì prossimo 31 luglio e posso portare ciò che mi consigliate se
necessario.

Grazie anticipatamente per la vostra disponibilità.
[#1] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività +32
20 attualità +20
16 socialità +16
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
Pur con i limiti dovuti al fatto di non poter visionare direttamente le lesioni tentero' di dare un aiuto in merito.
La descrizione da lei fatta suggerisce la diagnosi di ''alopecia areata'', una condizione la cui causa e' ancora sconosciuta ed i fattori scatenanti spesso non svelabili.
Fortunatamente nella maggioranza dei casi i capelli ricrescono - generalmente dopo qualche mese - anche in assenza di terapia. Puo' essere utile l'applicazione di sostanze dette ''rubefacenti'' al fine di migliorare la circolazione locale (una soluzione alcolica con cortisone va benissimo) da applicare due volte al giorno.
Se le recidive dovessero essere frequenti si puo' tentare di trovare una causa scatenante anche se, ripeto, spesso e' impossibile. A tal fine e' opportuno eseguire una serie di esami del sangue ed eventualmente un tampone faringeo ed un rx delle arcate dentarie, tutte cose che vanno gestite ovviamente dallo specialista e che non e' possibile coordinare a distanza.
Sono a disposizione per ogni eventuale ulteriore chiarimento.
Cordiali saluti
Davide Brunelli
[#2] dopo  
Dr. Petar Bojanic
24% attività +24
8 attualità +8
0 socialità +0
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2003
Dalla mia esperienza alopecia areta sia la malattia causata esclusivamente dallo stress. Ma non qualsiasi- lo stress cronico accumulato e persistente. L'estensione dietro gli orecchi vuol dire che alopecia va verso ophiasi dove la prognosi non e' cosi' favorevole. L'unica luce e'- i follicoli dei peli sono salvati e possono crescere in futuro. Ho una buona esperienza con topical sensibilizer chimato- diphenycyclopropenone.
Cordiali saluti,

Petar